Guida autonoma, dopo Honda anche Toyota si muove. Joint-venture con SoftBank

Guida autonoma, dopo Honda anche Toyota si muove

La casa automobilistica Toyota e l'operatore giapponese delle telecomunicazioni SoftBank siglano un accordo per collaborare nel settore avanzato della guida autonoma e nei servizi di mobilità. Lo hanno annunciato i rispettivi numero uno delle aziende nel corso di una conferenza di presentazione. "Con questa alleanza inizia una nuova era che garantirà una mobilità senza precedenti", ha detto l'amministratore delegato di SoftBank, Masayoshi Son.

La joint venture - all’inizio potrà contare su 17,49 milioni di dollari che successivamente aumenteranno a 87,45 mln – giunge dopo l’annuncio della rivale di Toyota, Honda, di voler acquisire una quota di General Motors Cruise Holdings, come parte di un piano tra i due produttori di auto (Honda e GM) per collaborare alla produzione di veicoli senza pilota. In questa operazione Honda investirà nei prossimi 12 anni 2,75 mld. La cifra include il costo della quota del 5,7% di Cruise Holdings pari 750 mln di dollari versati a GM.

I due colossi giapponesi non sono i soli a puntare sui veicoli a guida autonoma. La maggior parte delle case automobilistiche globali sta realizzando investimenti multimiliardari. Numerosi analisti convengono sul fatto che l'adozione generalizzata di auto senza pilota inizierà tra il 2021 e il 2022.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com