Un breve schema in 5 punti per capire la guerra in Ucraina. E dove porta l’unica soluzione possibile

Intervento dell’ex colonnello svizzero Jacques Baud

La guerra in Ucraina prosegue e non si vede ancora un punto di arrivo. Ma proviamo a schematizzare la situazione, facendo riferimento alle dichiarazioni di Jacques Baud, un ex colonnello dell’esercito svizzero.

PRIMO. L’Occidente ha inizialmente scommesso sul fatto che le sanzioni comminate contro Mosca avrebbe messo in ginocchio il paese più esteso al mondo, arrivando prima o poi a causare un cambio di regime (che poi era anche l’obiettivo di Putin, ovvero estromettere il governo Zelensky, sostituendolo con uno filo russo.

SECONDO. Ma le economie non sono tutte uguali, la Russia non è l’Occidente e i russi non sono come gli occidentali, nel senso che sono abituati a vivere con poco. Le sanzioni hanno avuto un impatto marginale.

TERZO. Visto che il punto primo non è andato come immaginato, l’Occidente ha cambiato strategia dopo l’estate, logorando la Russia fino all’esaurimento delle risorse disponibili e fino a ribaltare lo Zar del Cremlino.

QUARTO. I russi sembrano essere preparati anche a questo. Tanto che al momento il rapporto di artiglieria giornaliera è circa 10:1 in favore della Federazione. Al contempo, gli arsenali dell’Occidente e degli Stati Uniti in particolare si stanno svuotando.

QUINTO. Per Kiev l’ultima possibilità è il coinvolgimento diretto della Nato nel conflitto. Ma al momento l’ipotesi appare remota dal punto di vista degli Stati Uniti. Potrebbe, forse, allora profilarsi un coinvolgimento dei paesi dell’Est Europa, con Polonia in testa (la cui alleanza con Washington è più forte che mai).

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Meno Cina e Russia, e più Stati Uniti, nel futuro dell’India

Meno Cina e Russia, e più Stati Uniti, nel futuro dell’India

Global

Gli Stati Uniti hanno già speso 8,2 miliardi di dollari per rifornire di armi l’Ucraina

La guerra che nessuno sembra voler far finire. Il repubblicano e veterano Mike Waltz di ritorno dall’Ucraina: “Zelensky sente come se stesse perdendo lentamente, come se l’amministrazione Biden lo stesse di fatto aiutando a giocare per il pareggio”. [continua ]

Global
Tre notizie segnalano la portata globale del conflitto tra Russia e Ucraina

Tre notizie segnalano la portata globale del conflitto tra Russia e Ucraina

Global

Putin annette il Donbass alla Russia: “L’Ucraina è una colonia americana. E non è mai stata un vero Stato”

Il presidente russo fa la mossa del cavallo e spiazza la Nato. Il leader del Cremlino si rivolge alla popolazione in diretta tv con un durissimo discorso. [continua ]

Global
Nato-Russia, distanze incolmabili
quoted business

Nato-Russia, distanze incolmabili. Su Ucraina, Georgia, Moldavia e Paesi baltici

Global

Pil 2022: Russia -3,4%; Ucraina -35%

Secondo le stime del Fondo monetario internazionale, Italia e Germania in recessione nel 2023. Pil in frenata per Eurozona, Usa e Cina. L’India si conferma la grande economia a più rapida crescita. Il Giappone tiene. Cina al 3,5%, la crescita più bassa in più di quattro decenni. [continua ]

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com