Ue-Giappone, al via il più grande accordo commerciale del mondo

Ue-Giappone, al via il più grande accordo commerciale a livello globale

Interessa 635 milioni di persone e quasi un terzo dell'economia mondiale. È entrato in vigore il primo febbraio il più grande accordo di libero scambio del mondo tra Ue e Giappone, la terza economia al mondo.

L'intesa, che potrebbe far risparmiare ogni anno alle imprese europee 1 miliardo di euro, consente di eliminare le barriere non tariffarie e i dazi su quasi tutti i prodotti agricoli e industriali. Per lo strategico settore automobilistico, l'Ue eliminerà le tariffe per un periodo transitorio di sette anni. Previsti anche standard di lavoro, sicurezza, ambiente e tutela dei consumatori, oltre a un impegno specifico per l'accordo sul clima di Parigi. 

Il Giappone è il secondo partner commerciale dell'Ue in Asia dopo la Cina. Le imprese europee esportano su base annua nella seconda economia asiatica beni per un valore di 58 miliardi di euro e servizi per 28 mld. Secondo Bruxelles, l’export verso Tokyo aumenterà del 13%. Al contempo, il Giappone esporta nell’Ue annualmente beni per 69 mld e servizi per 18 mld.

L’intesa, tuttavia, potrebbe mantenere il record del più grande accordo commerciale del Pianeta non per molto tempo. Infatti, dopo 19 anni, l’Ue sta cercando di concludere un'intesa (i negoziati sono cominciati nel 2000) con il Mercosur, che comprende Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay e Venezuela (la posizione di Caracas è stata sospesa nel 2016) e conta una popolazione complessiva di circa 260 milioni di persone. Di fatto, l’accordo Ue-Mercosur diventerebbe il più grande al mondo, scalzando quello appena entrato in vigore con il Giappone. A meno che il neo presidente del Brasile (la prima economia del Centro-Sud America), Jair Bolsonaro, non faccia saltare tutto.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com