Lo scontro Ue-Bielorussia tra carne umana, sanzioni e ricatti

Dall’Ue altre sanzioni alla Bielorussia. Bruxelles reagisce duramente contro Minsk, ma il prezzo più alto rischiano di pagarlo i migranti. Lukashenko: “Pronto a rimandarli a casa”. In gioco importanti interessi geopolitici ed economici

Lo scontro Ue-Bielorussia tra carne umana, sanzioni e ricatti
Valdimir Putin e (a dx) Alexander Lukashenko

Il Consiglio Ue, riunito a Bruxelles, ha ampliato il regime sanzionatorio nei confronti della Bielorussia, per rispondere all’attacco del presidente Alexander Lukashenko alle frontiere con Polonia, Lettonia e Lituania, condotto “strumentalizzando esseri umani a fini politici”. Finora la lista comprende 166 individui e 15 società o enti, colpiti o perché coinvolti nelle repressioni seguite alle elezioni dell’estate 2020, oppure perché ritenuti responsabili del dirottamento del volo Ryanair Atene-Vilnius del 23 maggio 2021, sul quale viaggiava un giornalista inviso al regime.

Le tensioni fra Bruxelles e il governo di Minsk sono esplose dopo che la Bielorussia è stata accusata di trasportare al confine con la Polonia centinaia di migranti in arrivo dal Medio Oriente, esortandoli ad oltrepassare i confini con l’Ue. L’iniziativa è considerata una rivalsa da Lukashenko contro le ingerenze di Bruxelles sulla sua politica interna, nel mirino dei vertici Ue per le sue derive autoritarie. A sua volta, la Polonia, guidata dal premier nazionalista Mateus Morawiecky, ha chiesto all’Ue di finanziare la costruzione di un muro che difenda le sue frontiere dall’afflusso di migranti esteri. I leader comunitari si sono divisi sull’ipotesi.

Lukashenko continua intanto a sostenere che il suo esecutivo non vuole conflitti al confine e si dice pronto a rimandare i migranti in patria. In precedenza il dittatore aveva minacciato di bloccare l’afflusso di gas naturale dalla Russia all’Europa, bloccando il gasdotto che scorre nei suoi confini. Ma il presidente bielorusso non può ignorare il fatto che il suo principale sostenitore, Vladimir Putin, non è interessato a uno scontro aperto con l’Ue (che è un cliente fondamentale per la sua economia). Inoltre Mosca attende da Bruxelles il via libera al gasdotto offshore Nord Stream 2. A quel punto per la Federazione la Bielorussia sarà un po’ meno importante, sebbene svolga un ruolo di cuscinetto tra le due aree (russa ed europea).

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

‘Guerra dei cieli’. Mosca nega l’ingresso ai voli che aggirano la Bielorussia

Due collegamenti di Air France Parigi-Mosca e uno della Austrian Airlines Vienna-Mosca, che dovevano viaggiare aggirando lo spazio aereo di Minsk come suggerito dalle autorità competenti europee, sono stati cancellati perché la Russia non ha autorizzato l’ingresso. [continua ]

Strategie & Regole
quoted business

Lavrov: “La terza guerra mondiale è un pericolo reale”. Blinken: “Indebolire la Russia per evitare altri conflitti”

Il ministro degli Esteri russo: “Consegnando le armi all’Ucraina la Nato è entrata de-facto in una guerra per procura con la Russia”. Il suo omologo statunitense: “Non sappiamo come proseguirà questa guerra, ma sappiamo che ci sarà una Ucraina sovrana e indipendente molto più a lungo del periodo in cui Vladimir Putin rimarrà in scena”. [continua ]

Global
L’Ue sanziona la Bielorussia. E avverte Erdogan

L’Ue sanziona la Bielorussia. E avverte Erdogan

Strategie & Regole
Tra Russia e Francia scoppia la guerra delle bollicine

Tra Russia e Francia scoppia la guerra delle bollicine

Global
quoted business

A giugno, per la prima volta nella storia, i paesi dell’Ue hanno importato più gas naturale liquefatto dagli Usa che dalla Russia

Gazprom: stop al gasdotto Nord Stream per 10 giorni [continua ]

Energie & Risorse

La Cina potrebbe fare con il resto del mondo quello che la Russia sta facendo contro l’Europa

Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Eppure l’attività estrattiva in Cina è limitata. Come si spiega allora questo dominio? [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com