Migranti, in fondo si tratta solo di qualche centinaio di morti in più...

I naufragi si susseguono alle porte dell’Europa che si dimostra sempre più cinica e opportunista. L’ennesima tragedia avvenuta al largo delle coste greche nella notte tra martedì e mercoledì, invece, impone un ripensamento delle politiche migratorie europee.

Migranti, si tratta solo di qualche centinaio di morti in più

Prima la strage di Cutro, dei profughi partiti dalla Turchia e naufragati al largo delle coste italiane dopo aver evitato quelle greche. Poi lo rivelazione del New York Times sui migranti presi dai centri di accoglienza e ributtati in mare dalle autorità elleniche. E ora una delle peggiori tragedie di sempre con circa 600 dispersi.

Ma visto che la strategia dell’Europa è “occhio non vede, cuore non duole”, fortuna vuole che il naufragio sia avvenuto in uno dei punti di maggiore profondità del Mar Ionio, circa 4mila metri: ciò significa che la grande maggioranza dei migranti non sarà mai ritrovata, inghiottita negli abissi marini. Una circostanza che consentirà ancora una volta alle autorità greche di proseguire con il loro comportamento medioevale.

Secondo i dati forniti dal ministero dell’Interno ellenico, sono 2.150 i profughi finiti in carcere in Grecia perché accusati di essere degli scafisti. Per capire che si tratta di un dato surreale basti pensare che si tratterebbe del secondo reato più diffuso in Grecia. È questa la fruttuosa strategia della tensione che Atene porta avanti da tempo.

Tutto lascia pensare che la storia proseguirà con altre tragedie annunciate, visto che l’orientamento adottato dall’Ue nei giorni scorsi è basato sul rafforzamento dei meccanismi di respingimento dei migranti, lasciando ancora una volta fuori dalla porta l’aspetto principale, ovvero la redistribuzione obbligatoria dei migranti. Anzi, agli Stati è data la possibilità di non accettare migranti ricollocati dai paesi di primo ingresso, pagando una quota per ogni persona non accolta.

Si conferma inoltre la volontà politica di esternalizzare il controllo delle frontiere nella gestione dei flussi migratori, aumentando le pressioni sui Paesi terzi. Un sistema che come nel caso dell’accordo Italia-Libia, non solo non sembra riuscire a bloccare gli arrivi (da gennaio ad oggi sono oltre 51.000), ma perpetua la violazione dei diritti umani fondamentali delle persone detenute nei lager libici (e non solo), vittime di torture e soprusi indicibili. Le responsabilità italiane in tal senso non sono totalmente addebitabili all’attuale governo, bensì affondano le radici nel recente passato, allorquando questa idea di esternalizzare le frontiere, voltando le spalle al problema, è stata messa in atto soprattutto da un importante esponente del Partito Democratico, l’ex ministro degli Interni, Marco Minniti.

Il cinismo europeo si aggiunge anche a una scarsa lucidità nel gestire il fenomeno migratorio da parte dei Paesi comunitari. Eppure, è ormai lampante quanto le economie europee e occidentali in genere abbiano un crescente bisogno di lavoratori stranieri. Si tratta di un bisogno urgente, evidenziato anche da importanti organizzazioni internazionali, visto l’inesorabile invecchiamento demografico a cui sta andando incontro il continente europeo.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Migranti, tra Ue e Italia siamo a un punto di non ritorno

Migranti, tra Ue e Italia siamo a un punto di non ritorno

Global
L’Irlanda del Nord è senza governo da due anni

L’Irlanda del Nord è senza governo da due anni

Global

Soldi da Bruxelles per fermare i migranti. Ma c’è il vincolo dell’Fmi

Memorandum Tunisia-Ue: i 5 pilastri fondamentali dell'intesa firmata a Tunisi. Von der Leyen, Meloni e Rutte sperano così di scongiurare un’ondata migratoria senza precedenti. Ma la tranche più grossa è vincolata al prestito di 1,9 miliardi di euro del Fondo Monetario Internazionale, che pretende da Saied profonde riforme per sbloccarlo. Il presidente tunisino ha chiesto all’Ue di trovare forme di collaborazione alternative all’Fmi. [continua ]

Global
quoted business

La Comunità politica europea riunita in Moldova: sul tavolo la questione ucraina (e ora anche il Kosovo)

Oltre all’Ue, presenti anche i paesi dei Balcani, il Regno Unito, la Turchia e naturalmente l’Ucraina [continua ]

Global

Una guerra inevitabile attende l’Europa?

Dal 2019 a oggi la spesa militare europea è cresciuta del 25-30 per cento nel timore che non esista uno scenario in cui l’Ucraina non vince la guerra e le cose finiscono bene per l’Europa che ora si trova nel mezzo di un passaggio epocale. [continua ]

Strategie & Regole

L’economia francese è ora più forte di quella tedesca?

Mentre l’economia francese dimostra una notevole resilienza, il motore della crescita della Germania sembra vacillare. Ma le due economie sono più interdipendenti che mai, e le loro dimensioni implicano che debbano lavorare insieme per riformare e rafforzare l’Unione Europea se vogliono continuare ad affermare la propria influenza a livello globale. [continua ]

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com