L’Ue si allarga o si stringe? Due mosse importanti si profilano all’orizzonte: ma sono buone idee?

Intesa Roma-Parigi-Berlino: “Un nuovo Patto di stabilità. Stop ai veti dei piccoli”. Mentre Bruxelles si muove verso l’ingresso dell’Ucraina nell’Unione europea, Italia, Francia e Germania puntano a riformare le leggi fondamentali dell’Ue a partire dall’accordo di Lisbona. Verso l’abolizione del voto all’unanimità?

L’Ue si allarga o si stringe?

Il tentativo sta prendendo corpo. L’accordo tra Italia-Francia-Germania punta ad aprire una strada. Quella di affidare alla seconda parte della legislatura europea una nuova agenda che metta al centro la riforma dei trattati europei. Compreso il Patto di Stabilità e i vecchi parametri su debito e deficit.

Dopo Mario Draghi ed Emmanuel Macron (che si è detto favorevole a “riformare i nostri testi” convocando “una convenzione per la revisione; è una proposta del Parlamento europeo e la approvo”), la presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha infatti aperto alla modifica dei trattati su cui si fonda l’Ue e all’abolizione del voto all’unanimità.

“Sarò sempre dalla parte di coloro che vogliono riformare l’Ue per farla funzionare meglio. Ora tocca a noi (paesi membri, ndr) prendere la via più diretta per arrivarci. Usando tutti i limiti di ciò che possiamo fare all’interno e, sì, cambiando i trattati dove è necessario”, ha dichiarato la presidente. Per quanto riguarda il voto all’unanimità, che spesso ha bloccato le decisioni europee (basti ad esempio pensare alle difficoltà nel trovare un’intesa sulla questione delle sanzioni contro Mosca e dell’embargo delle risorse energetiche), von der Leyen ha detto che “in alcuni settori chiave semplicemente non ha più senso se vogliamo essere in grado di muoverci più velocemente. L’Europa dovrebbe giocare un ruolo maggiore, per esempio nella salute o nella difesa. E dobbiamo migliorare il funzionamento della nostra democrazia su base permanente”.

Se da un lato i big europei guardano dunque a una svolta che riduca il potere degli Stati europei minori, dall’altro continua a insistere sull’allargamento a Est dei confini comunitari, sebbene il processo non sarà probabilmente rapido. Quanto in particolare al possibile ingresso di Kiev nell’Ue, Macron ha infatti frenato l’entusiasmo: “L’Ucraina con il cuore è già membro della nostra Unione ma anche se le concediamo lo status di candidato, ed è ciò che auspico, sappiamo tutti che l’iter per l’adesione richiede diversi anni, anzi decenni, e bisogna dirlo con sincerità. Non possiamo rinunciare ai principi che sono le fondamenta di questa Europa”. Ma, al contempo, la presidente dell'organo di governo dell'Ue ha confermato che Bruxelles esprimerà un parere sull'entrata ucraina già a giugno.

È proprio questo il punto centrale. La doppia leva, ovvero la riduzione del livello di democraticità concentrando il potere decisionale nelle mani dei principali paesi e l’allargamento del numero dei paesi aderenti (la possibilità non riguarda soltanto l’Ucraina), garantirà nei prossimi decenni maggiore sicurezza e sviluppo nel Vecchio continente oppure no? E se l’obiettivo è davvero il cessate il fuoco in Ucraina, a guardare ciò che sta accadendo tra Nato-Ue-Russia non sarebbe stato preferibile in questo momento puntare a una sorta di cintura di ‘neutralità’ tra la Federazione e l’Ue?

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

Mosca esce dal Consiglio d’Europa: “I paesi della Nato e l’Ue ostili alla Russia. Lasciamo che si divertano a comunicare tra loro”

La frattura tra la Federazione russa e l’Occidente appare sempre più irreversibile. Ma cosa è il Consiglio d’Europa? [continua ]

Strategie & Regole
La Nato si allarga: Finlandia, Svezia e l’incognita Svizzera
quoted business

La Nato si allarga: Finlandia, Svezia e l’incognita Svizzera

Global

Sachs: “Il grande errore degli Usa è credere che la Nato sconfiggerà la Russia”

Gli errori dell’Occidente nei rapporti con la Russia post-sovietica hanno contribuito ad aprire la strada al nazionalismo revanscista di Putin? L’economista: “Usa e Australia si stanno strappando i capelli per un patto di sicurezza tra la Cina e le Isole Salomone, che è visto come una terribile minaccia alla sicurezza dall’Occidente. Come si deve sentire allora la Russia riguardo all’allargamento della Nato all’Ucraina?” [continua ]

Global
quoted business

Lavrov: “La terza guerra mondiale è un pericolo reale”. Blinken: “Indebolire la Russia per evitare altri conflitti”

Il ministro degli Esteri russo: “Consegnando le armi all’Ucraina la Nato è entrata de-facto in una guerra per procura con la Russia”. Il suo omologo statunitense: “Non sappiamo come proseguirà questa guerra, ma sappiamo che ci sarà una Ucraina sovrana e indipendente molto più a lungo del periodo in cui Vladimir Putin rimarrà in scena”. [continua ]

Global
La guerra segreta di Kiev e i ‘false flag’ organizzati da Mosca
quoted business

La guerra segreta di Kiev e i ‘false flag’ organizzati da Mosca

Global
Il Kosovo vuole entrare nella Nato

Il Kosovo vuole entrare nella Nato

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com