Presidenziali 2020, Hillary Clinton contro candidata dem: “È un asset dei russi”

Nel mirino della Clinton Tulsi Gabbard: “Punta a formare un terzo partito per danneggiare i liberal”. Ma la parlamentare democratica eletta alle Hawaii smentisce

Presidenziali 2020, Clinton contro candidata dem: “È un asset dei russi”
Tulsi Gabbard

Hillary Clinton è al centro di un nuovo caso politico che vede sullo sfondo una possibile interferenza dei russi sul voto delle prossime presidenziali. Clinton accusa una delle candidate democratiche alle presidenziali, Tulsi Gabbard, di essere un “asset della Russia” che punta a formare un terzo partito per danneggiare i liberal.

“Non faccio previsioni - spiega Clinton - ma credo che i russi abbiano messo gli occhi su qualcuna che attualmente sta partecipando alle primarie democratiche e la stanno preparando a presentarsi come candidata di un terzo partito”.

Clinton non cita esplicitamente Tulsi Gabbard ma secondo i media statunitensi il riferimento sarebbe chiaro. Sono soltanto cinque le donne finora in gara: Gabbard, le senatrici Kamala Harris, Elizabeth Warren, Amy Klobuchar e la scrittrice Marianne Williamson. Nessuna delle ultime quattro è stata mai accusata di avere legami con Mosca.

Gabbard nei giorni scorsi ha smentito la possibilità di candidarsi per un terzo partito, negando qualsiasi legame con la Russia. E passando al contrattacco, definendo “vigliacche” le accuse dell’ex segretaria di Stato. Gabbard ha accusato l’ex first lady di essere “la regina dei guerrafondai” e di orchestrare una campagna “per distruggere la mia reputazione”.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com