Il Pil dell’Italia tornerà ai livelli pre-pandemia non prima del 2023

Bankitalia rivede al ribasso le stime del Pil. Il debito sale al 156%

Il Pil tornerà ai livelli pre-pandemia non prima del 2023

La Banca d’Italia rivede al ribasso la stima del Pil per il 2020 prevedendo una contrazione del 9,2% a fronte del -9% indicato nelle proiezioni macroeconomiche di dicembre.

Nel 2021 la ripresa italiana vedrà una crescita del Pil pari al 3,5%. Per i due anni successivi (2022 e 2023) la stima prima sale al 3,8% poi scende al 2,3%. Il che significa che per tornare ai livelli precedenti alla crisi pandemica (quando l’Italia era ultima per crescita nell’Ue) bisognerà attendere il 2023.

Si impenna intanto il debito. “Sulla base dei dati preliminari di dicembre si può stimare che nel 2020 il rapporto tra il debito e il Pil sia aumentato di oltre 20 punti percentuali – spiega la Banca d’Italia - collocandosi intorno al 156%”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com