Perché Draghi sulla scuola sbaglia. E commette (probabilmente) un grave errore

La scelta del governo di riaprire la scuola, sebbene sembri un’ottima notizia, potrebbe nascondere un grave errore che rischiano di pagare in primis proprio i più giovani. Il problema centrale è l’incapacità di puntare su una cultura dell’innovazione

Scuola aperta o in Dad (didattica a distanza)? Il governo Draghi, sostenuto da una maggioranza molto ampia e allo stesso tempo fragile vista la forte eterogeneità in termini politici tra i partiti che la compongono, ha fatto convintamente la sua scelta, ovvero quella di tenere gli istituti scolastici aperti.

Occorre evidenziare che le motivazioni addotte (in particolare la Dad rappresenta un fattore negativo dal punto di vista psicoemotivo per bambini e ragazzi). Difficile non essere d’accordo con questa impostazione che privilegia la socialità alla solitudine delle camerette.

Ma il problema è che il governo sembra aver fatto una scelta per così dire ‘emozionale’, quando invece sarebbe chiamato ad avere capacità di visione, non di previsione. E, dati alla mano, tutto lascia pensare che l’incremento dei contagi da Covid-19 tra i più giovani costringerà presto molte classi ad andare in Dad.

Quindi, chiudere le scuole ora per qualche settimana avrebbe più probabilmente reso possibile tenerle aperte più a lungo successivamente. E qui emerge il problema reale che c’è dietro alla decisione dell’esecutivo. Una mancanza atavica, certamente da parte non solo di questo governo, nella capacità di innovare.

La pandemia ha offerto su un piatto d’argento la possibilità di rivedere il sistema scuola, innovandolo appunto. In tal senso, la Dad poteva rappresentare un’arma in più da affiancare e integrare (laddove opportuno e necessario) al metodo classico, quello in presenza.

Quando Draghi sostiene che la Dad provochi l’aumento delle disuguaglianze probabilmente ha ragione ma sbaglia nell’individuazione del ‘colpevole’: non è tanto la didattica a distanza quanto la modesta dotazione infrastrutturale e strumentale della maggior parte delle scuole, dove persino una buona connessione alla rete può rappresentare un miraggio.

Eppure la pioggia di euro in arrivo attraverso il Recovery Fund rappresenta una grossa occasione, ad oggi mancata. In un anno, infatti, non si è mossa una foglia nella direzione del miglioramento nel funzionamento del mondo dell’istruzione. Ma le risorse per il bonus facciate ci sono: se si fosse pensato ad esempio a sistemare le scuole non si sarebbe comunque messa in moto l’edilizia?

Il governo, da questo punto di vista, prosegue sull’errante via dei suoi predecessori. L’Italia infatti da lungo tempo investe nell’istruzione meno dei principali competitors europei (Francia, Germania, Regno Unito, e Spagna), sia in termini di spesa pubblica in rapporto al Pil sia in riferimento alla spesa complessiva (come emerge dai dati disponibili sul portale dedicato agli indicatori economici e sociali a livello mondiale My Data Jungle).

Quello che manca è la cultura dell’innovazione, un limite (riscontrabile anche nel tessuto imprenditoriale del nostro paese) che impedisce all’Italia di esprimere appieno il proprio (peraltro enorme) potenziale. Eppure, da economista, il premier non può non sapere che per puntare a una robusta crescita economica nel medio lungo periodo uno dei principali ingredienti è proprio l’istruzione. Ma di qualità.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

Dalle pensioni minime a 1000 euro al milione di alberi da piantare ogni anno. Tornano le noiosissime promesse elettorali

La Lega ha rispolverato il tema dell’autonomia, quota 41 sulle pensioni e la pace fiscale. Berlusconi ha lanciato l’aumento delle pensioni minime, e l’impegno a piantare un milione di alberi l’anno. Per Pd e M5S è ancora presto per parlare di programmi. Nessuna formazione politica, tuttavia, sembra al momento in grado di offrire una visione complessiva del paese nel breve e nel lungo periodo. [continua ]

Economia
I poveri sono triplicati dal 2005

Italia, i poveri sono triplicati dal 2005

Economia
Invecchiamento, il presidente dell’Istat: “Fra 20 anni sarà il delirio”

Crescono le famiglie con soggetti soli anziani. Il presidente dell’Istat: “Fra 20 anni sarà il delirio”

Economia

Brunetta: “La crisi non c’è. È solo psicologica. No al salario minimo. Tornare alla scala mobile è una stupidaggine”

Il ministro della Pubblica amministrazione: “Nel primo trimestre abbiamo avuto +0,1%, vuol dire 2,6% per tutto l’anno se non ci saranno negatività negli altri trimestri”. [continua ]

Economia

Cingolani: “Siamo già in recessione. In tema di energia serve un’alleanza globale sulla fusione nucleare come per il vaccino”

Il ministro al Festival dell’Economia di Torino insieme al premio Nobel Spence: “Stiamo rallentando sulla transizione ecologica”. [continua ]

Economia
Frase del giorno - Parole
quoted business

Ieri, con la pandemia, ed oggi con questa feroce guerra, abbiamo scoperto quanto ancora dipendiamo dai combustibili fossili. Bisogna ripensare agli investimenti ESG con serietà.

Economia

Indicatori

Crediti deteriorati

L'andamento dei crediti deteriorati dal 2005 al 2020 in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna in rapporto al totale dei crediti erogati

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com