Bilancio primario strutturale 2009-2018, Draghi: “Usa 3,6%, Eurozona 0,5%”

Il presidente della Bce richiama l’attenzione su una politica di bilancio più attiva nell’Eurozona

Bilancio primario strutturale 2009-2018, Draghi: “Usa 3,6%, Eurozona 0,5%”

“Una politica di bilancio più attiva nell’Eurozona renderebbe possibile regolare le politiche della Bce più velocemente”. A sostenerlo è Mario Draghi.

Il presidente della Bce ribadisce così il richiamo ai governi a fare di più per non aggravare le responsabilità della Banca centrale.

“Negli Usa, per esempio, fra il 2009 e il 2018 il bilancio primario strutturale è stato al 3,6%, nell'Eurozona pari a +0,5%. Così i tassi negli Usa sono potuti salire prima, nell’Eurozona sono rimasti negativi”, ha aggiunto Draghi. 

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com