Gilet gialli, atto 17°

Gilet gialli, atto 17°

Sono 28.600 (di cui 3.000 a Parigi, cifre definitive fornite dal ministero dell'Interno) i dimostranti scesi nelle strade francesi nel 17° sabato di mobilitazione dei gilet gialli. Si tratta dei numeri più bassi da quando le manifestazioni sono cominciate quattro mesi fa, mentre il picco massimo di 282 mila era stato toccato a novembre. La settimana precedente i dimostranti erano stati 39.300.

Ad alcuni giorni dalla conclusione del grande dibattito nazionale voluto dal presidente transalpino per ascoltare le richieste della popolazione e proporre soluzioni, i contestatori assicurano di non voler mollare, ma il loro "atto decisivo", il sit-in ai piedi della Tour Eiffel che costituiva il principale evento del fine settimana, è durato poco. "Non ci muoveremo", promettevano, ma la trentina di persone che ha provato a occupare il Champ-de-Mars venerdì sera è stata allontanata dalle forze dell'ordine.

Articoli correlati

Ue, Siria, Libia... La linea di Macron in politica estera

Europa, Siria, Libia ... Emmanuel Macron detta la linea di Parigi in politica estera

Strategie & Regole
Gilet Gialli, atto 25°: mai così pochi in piazza

Gilet Gialli, atto 25°: mai così pochi in piazza

Economia
Gilet gialli, atto 24°

Gilet gialli, atto 24°

Economia

Gilet gialli, Macron: "Tagli significativi alle tasse, ma no alla patrimoniale"

L'attesa risposta al movimento dei gilet gialli è arrivata. Nel suo annuncio, Emmanuel Macron ha promesso di ridurre “significativamente” le imposte sul reddito per i lavoratori, ma ha anche difeso la sua controversa decisione di abolire una tassa sul patrimonio, presa all’inizio del mandato. Il capo dell’Eliseo ha poi spiegato di voler portare avanti il suo programma di riforme e ha anche avvertito il movimento dei gilet gialli che è il momento di tornare all’ordine. [continua ]

Economia
Gilet gialli, atto 22°

quoted business

Gilet gialli, atto 22°

Economia

A Macron sono arrivati i cahiers de doléances dei Francesi. E ora, che fare?

È durata 5 mesi la grande campagna di “ascolto” dei bisogni dei Francesi annunciata dal presidente Macron nel dicembre scorso, dopo un mese dall'avvio, nel novembre, della tempestosa protesta dei gilet gialli. È stata la più grande consultazione popolare della storia francese, declinata in tanti modi diversi: dalle assemblee cittadine, a 21 conferenze nazionali, alle risposte ai quesiti formulati su un sito web, all'invio spontaneo di mail e lettere alle pubbliche amministrazioni. [continua ]

Economia

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com