Eurasia, crescita in lento recupero dopo il tonfo del 2015. Ma aumentano le disuguaglianze

Eurasia, crescita in lento recupero
Eurasia è una convenzione con la quale si intendono i Paesi europei e asiatici aggregati in una macroregione

Dopo un periodo prolungato di crescita sostenuta, i paesi dell'Eurasia (Europa e Asia) hanno recentemente subito una serie di shock economici esterni. Tra questi, la diminuzione dei prezzi delle materie prime globali, la recessione in Russia, la “moderata” crescita della Cina e le prospettive economiche deludenti in numerose economie dell'Europa occidentale.

Il Pil globale della macroregione è diminuito nel 2015 per la seconda volta in due decenni (la prima è stata nel 2009) e la crescita nel 2016 è stata piuttosto debole, secondo le stime dell'FMI.

Il recupero è continuato nel 2017, ma accompagnato dall’aumento delle disuguaglianze, e la crescita è comunque ben al di sotto dei livelli raggiunti nel 2000.

Il quadro è grigio ma c’è una buona notizia, spiega l’OCSE. Un nuovo ciclo di riforme è stato, infatti, avviato in settori come la regolamentazione doganale, il fisco e la tutela degli investitori. Anche il sostegno alle start-up sta diventando più consistente. Ma c'è ancora molto da fare, soprattutto per creare condizioni favorevoli alla nascita di nuove imprese, specialmente le PMI, che sono i fattori cruciali dell'innovazione.

Fonte

Articoli correlati

9° giorno consecutivo di sciopero

quoted business

Francia: 9° giorno consecutivo di sciopero. E “nessuna tregua per Natale”

Economia

La Corte dei conti europea: la ‘politica agricola comune’ comune è inefficace e inefficiente

La politica agricola comune (Pac) dell’Ue prevede misure finalizzate a garantire un reddito stabile e adeguato agli agricoltori. I pagamenti diretti ai 6,4 milioni di agricoltori nei 28 Stati membri ammontano a 41 miliardi di euro l’anno. Oltre ai pagamenti diretti, la Pac include strumenti specifici per prevenire e gestire i rischi e le crisi nel settore agricolo. [continua ]

Ue
Economia

quoted business

Il Tribunale di Taranto spegne l’altoforno 2

Il Tribunale di Taranto ha rigettato la richiesta di proroga presentata dai commissari dell’Ilva sull’uso dell'Altoforno 2, sequestrato e dissequestrato più volte nell’inchiesta sulla morte dell’operaio Alessandro Morricella. Significa che scatta il possibile inizio delle operazioni di fermata degli impianti dal 13 dicembre. Ma c'è un’ultima possibilità: fare ricorso al Tribunale del riesame. [continua ]

Economia
Armi, i primi 100 produttori globali: vendite per 420 mld di dollari

Armi, i primi 100 produttori globali: vendite per 420 mld di dollari. Leondardo all’8° posto

Economia

quoted business

ArcelorMittal offre 1 mld per lasciare Taranto

ArcelorMittal avrebbe proposto al governo la risoluzione definitiva di ogni rapporto sulla vicenda ex-Ilva mettendo sul piatto il pagamento di 1 miliardo di euro per lasciare gli impianti di Taranto entro aprile 2020. Lo scrivono alcuni media, tra i quali La Gazzetta del Mezzogiorno, che parlano di una lettera che sarebbe stata inviata dalla multinazionale al Mise. [continua ]

Economia
Aspettando l’uomo solo al comando

Aspettando l’uomo solo al comando

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com