A 25 anni dalla fine dell’apartheid, il Sudafrica è più ineguale che mai

Il Sudafrica di oggi è caratterizzato da una disuguaglianza crescente tra bianchi e neri, nonostante la povertà sia diminuita. Quella che un tempo era la potenza economica del continente africano è ora diventata instabile. I sudafricani si chiedono cosa sia andato storto

A 25 anni dalla fine dell’apartheid, il paese è più ineguale che mai

Il Sudafrica ha rappresentato per anni una luce di speranza nel continente africano. Quando ha realizzato la faticosa transizione verso una democrazia multirazziale nel 1994, dopo aver superato l'apartheid, i sudafricani erano fiduciosi in un nuovo futuro.

Nelson Mandela, il primo presidente nero del Sudafrica, ha guidato il paese verso un processo di riconciliazione, che mirava ad alleviare le ferite lasciate dal duro sistema di segregazione razziale sotto il dominio delle minoranze bianche.

Ma il Sudafrica di oggi è caratterizzato da una disuguaglianza crescente tra bianchi e neri, nonostante la povertà sia diminuita. E quella che un tempo era la potenza economica del continente africano è ora diventata instabile. Molti sudafricani si chiedono cosa sia andato storto. Perché i bianchi detengono ancora la maggior parte della ricchezza anche se sono in netta minoranza?

L'esecutivo di Mandela aveva posto le basi per un sistema giudiziario indipendente e una costituzione moderna. Ma sotto il suo successore, Thabo Mbeki in carica dal 1999 al 2008, le istituzioni indipendenti hanno perso il loro smalto. Mbeki è stato, così, estromesso dal suo partito, l'African National Congress, e sostituito da Jacob Zuma. Ma non è andata meglio, visto che Zuma è stato costretto a dimettersi lo scorso febbraio travolto dalle accuse di corruzione. È, quindi, giunto il momento di Cyril Ramaphosa.

La maggioranza del paese attende di capire se sarà in grado, almeno lui, di prendere in mano l'eredità lasciata da Nelson Mandela.

Eppure il Sudafrica ha un potenziale economico enorme. O, forse, è proprio questo il problema: lo sfruttamento delle risorse naturali adoperato dai giganti minerari in accordo con le istituzioni locali. Così, dopo una sequela di presidenti neri, i sudafricani cominciano a capire che non è solo una questione di pelle.

Fonte

Articoli correlati

Il Sud Africa non vede la luce fuori dal tunnel

Il paese più industrializzato del continente africano non si è ancora ripreso dalla crisi finanziaria globale del 2008. Il mix macroeconomico per il Sud Africa è nefasto: la crescita è modesta per essere un’economia emergente (1,9% nel 2019), il livello di indebitamento sale e il tasso di disoccupazione è endemico (29%). Inoltre la pessima gestione, afflitta dalla corruzione, che ha caratterizzato il lungo periodo dominato dall’ex premier Jacob Zuma (2009-2018), ha messo in crisi tutto il settore pubblico. [continua ]

Economia
Rivolta contro gli immigrati. Ma sono meno che in Italia

quoted business

Sud Africa, rivolta contro gli immigrati. Ma sono meno che in Italia

Economia
Un altro paese emergente è in recessione

Un'altra economia emergente è in recessione: è il Sudafrica

Economia
Elezioni, Cyril Ramaphosa vince. Ma è il peggior dato di sempre

quoted business

Elezioni Sudafrica, Cyril Ramaphosa vince. Ma è il peggior dato di sempre

Strategie & Regole

Sudafrica, entra in vigore il salario minimo. Interesserà 6 milioni di lavoratori

Aveva promesso di far rivivere l'economia, da quando nel 2018 è diventato presidente del Sud Africa, Cyril Ramaphosa - un ex sindacalista convertito in un uomo d'affari, che ha preso le redini del paese africano più industrializzato dopo le dimissioni del controverso Jacob Zuma. L’impresa non sembra tuttavia essergli ancora riuscita. Ma nel messaggio di fine anno ha tirato fuori una sorpresa. [continua ]

Jobs & Skills
L'oro rende meno. Ma è un'economia fondata sul metallo giallo

Sudafrica, le miniere d'oro cominciano a scarseggiare in un paese fondato sul metallo giallo

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com