Fine di un mito, anche in Svezia aumenta la disuguaglianza

Una nuova politica fiscale e alcune riforme dello stato sociale stanno cambiando la distribuzione del reddito nel paese scandinavo, considerato per molto tempo luogo dell’uguaglianza sociale

Fine di un mito, aumenta la disuguaglianza

Nessuno, o forse pochi, si aspetterebbero l’aumento della disuguaglianza in Svezia, dove il welfare state è ancora una colonna portante dell’intervento pubblico nell’economia. Invece, è così: il paese ha visto un rapido aumento della disuguaglianza dagli anni '90.

Nella società dove un tempo l’uguaglianza era un traguardo da sfoggiare, i cambiamenti sono sbalorditivi. Fino a poco tempo fa, solo i super-ricchi potevano permettersi, ad esempio, domestici e più di una villa. Oggi, è la norma non più per l’1% della popolazione bensì per il 10%. Che mediamente possiede un appartamento in città, una casa estiva su una delle isole svedesi e un cottage in una delle località sciistiche oppure un bungalow su una spiaggia tailandese.

Cosa è accaduto? È cambiata la politica fiscale. La parte più abbiente della società ha beneficiato di enormi tagli fiscali. Come in molti altri paesi Ocse, l'ineguaglianza è stata alimentata dall'abolizione di alcune forme di tassazione fortemente redistributive. Oggi, la Svezia non prevede imposte su eredità e donazioni, tantomeno tasse sulla proprietà o sulla ricchezza. Inoltre, il governo di destra al potere dal 2006 al 2014 ha introdotto riduzioni fiscali orientate ai percettori di reddito elevato. Al contempo, il welfare state, sempre più basato sul sistema dei voucher, è diventato meno inclusivo.

Occorre evidenziare che, dal 2014 al 2018, in Svezia è stata al governo una coalizione composta da socialdemocratici e Verdi, che a parte alcuni interventi minori non ha introdotto alcuna modifica strutturale in tema di fisco e stato sociale.

Di conseguenza, le disuguaglianze hanno continuato a crescere. A vantaggio di quel 10%, che oggi racconta uno svedese che non ha bisogno di cucinare o occuparsi del ménage domestico. Ha le camicie stirate da qualcuno regolarmente retribuito (e fiscalmente deducibile). Può permettersi più di un mutuo immobiliare. Uno svedese fortunato, ma sempre più distante dal resto del paese scandinavo.

Fonte

Articoli correlati

Quark

Lo stato sociale svedese rischia di entrare in crisi. La forza lavoro non cresce abbastanza

Nel mercato del lavoro svedese è sorto un problema: domanda e offerta non sono più in equilibrio. Entro il 2025 si prevede che l'intera forza lavoro aumenti di 207 mila unità. Eppure il paese avrebbe bisogno di un incremento più consistente per mantenere intatto il suo celebrato stato sociale. La Svezia è, invece, entrata in una fase di stallo e appare bloccata tra l'invecchiamento della popolazione e la crescente necessità di integrare gli stranieri.

Economia

Riciclaggio nel Baltico, coinvolta anche una grande banca svedese

Un’altra importante banca europea è sotto i riflettori della magistratura. Le autorità svedesi hanno perquisito la sede di Swedbank a Stoccolma, il più grande istituto di credito della regione baltica, nell'ambito di un'indagine sul riciclaggio di denaro. che riguarda la filiale estone di Danske Bank, già coinvolta in un gigantesco scandalo legato a 200 miliardi di euro di pagamenti sospetti tra il 2007 e il 2015. [continua ]

Moneta & Mercati
Andamento lento. Volvo limita la velocità max a 180 km/h

Cnn

Andamento lento. Volvo limita la velocità max a 180 km/h

Mobilità
Il paese è nel caos, non si riesce a formare un nuovo governo

Caos in Svezia, non si riesce a formare un nuovo governo

Strategie & Regole
L’estrema destra vince ma non sfonda. Il paese è a rischio recessione

L’estrema destra vince ma non sfonda. La Svezia rischia la recessione

Strategie & Regole
Tonfo della valuta svedese a pochi giorni dalle elezioni

Tonfo della valuta nazionale a pochi giorni dalle elezioni. Cosa succede in Svezia?

Moneta & Mercati

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com