Sky-Netflix, quell'accordo verso nuovi scenari dell'audiovisivo

Sky-Netflix, quell'accordo verso nuovi scenari dell'audiovisivo

Il settore dell’audiovisivo e della pay tv sta affrontando grosse trasformazioni. Il paradigma consolidato con cui per decenni la televisione e il cinema sono stati finanziati/prodotti/distribuiti/consumati sta facendo i conti con l’ingresso di Netflix, che propone un modello di business capace di sparigliare gli equilibri di un mercato dominato da pochi grandi operatori e da dinamiche legate a una fruizione tradizionale dei contenuti.

In questo scenario che cambia, la recente partnership annunciata tra Sky e Netflix in Europa ridefinirà il settore, perché il modello di tv basata su palinsesto, contenuti premium a pagamento e tempi di attesa per la messa in onda è stato messo in crisi da Internet e dal moltiplicarsi dell’offerta. Con questo accordo Netflix diventerà un operatore globale a tutto tondo, produttore/distributore di contenuti audiovisivi in diretta concorrenza con gli altri big; per Sky potrebbe trattarsi di un cambio di strategia, magari verso lo streaming e la banda larga.

Se, invece, l’obiettivo (non dichiarato) di Sky è quello di ridurre il tasso di abbandono dei propri abbonati aumentando i contenuti del suo bouquet con le produzioni Netflix, questa mossa potrebbe non bastare vista la presenza di altri competitor del calibro di Amazon, Facebook, Apple e Disney.

Il settore dell’audiovisivo continua a cambiare rapidamente: le prossime settimane saranno decisive per capire quali scenari competitivi dobbiamo attenderci nei prossimi anni.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com