Zaia rilancia la battaglia per l’autonomia di Venezia

Il 25 marzo la città festeggia il compleanno numero 1600. Il presidente del Veneto: “È la storia che ce lo chiede”

Zaia rilancia la battaglia per l’autonomia di Venezia

“La storia è come una profonda cicatrice, un solco che non si può cancellare. La storia lascia segni importati che non sono solo passato, ma sono anche la giusta e concreta evoluzione di quanto seminato mille anni prima. Si possono avere le proprie idee e le proprie convinzioni ma in un Paese come il nostro le radici cattoliche e cristiane hanno lasciato il segno ovunque. Allo stesso modo noi, costituzionalmente, come popolo veneto l’autonomia ce l’abbiamo nel Dna. È nel vissuto concreto e quotidiano, nell’aria che si respira dalla Repubblica di Venezia in poi”.

A sostenerlo è Luca Zaia. I 1600 anni di Venezia diventano un’occasione per pensare al futuro della città e della Regione per il presidente del Veneto. E sono soprattutto una occasione per rilanciare “la madre di tutte le battaglie”: l’autonomia.

La ricorrenza cadrà il prossimo 25 marzo, a memoria di quel 25 marzo 421, data comunemente riconosciuta come il giorno della fondazione di Venezia.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com