Cresce la pressione sul Regno Unito: restituisca l’ultima colonia africana (entro il 22 novembre)

Il Regno Unito acquistò nel 1965 l’arcipelago di Chagos dalla colonia Mauritius, deportando tutti gli abitanti. Ma sono ora in molti a chiedere al Regno Unito di fare un passo indietro. E pensare che solo 80 anni fa la potenza coloniale di Londra riguardava ¼ della popolazione mondiale

Cresce la pressione su Londra: restituisca l’ultima colonia africana

Da una casa color senape che si affaccia su una trafficata strada a Mauritius, Olivier Bancoult sfida il Regno Unito pianificando un ritorno nella lingua di terra dove è nato 55 anni fa.

Originario delle remote isole Chagos nell’Oceano Indiano, Bancoult è a capo di un gruppo di donne che, come lui, furono espulse poco dopo l'acquisto nel 1965 da parte della Gran Bretagna dell’arcipelago dalla sua ex colonia Mauritius.

Da ragazzo, Bancoult e gli altri circa 2 mila abitanti di Chagos furono deportati nel Regno Unito, a Mauritius e alle Seychelles. Poi la Gran Bretagna permise agli Usa di costruire una base militare sull’isola di Diego Garcia, considerata ancora oggi cruciale per le operazioni statunitensi in Medio Oriente.

Ma ora, in una fase in cui Londra è alle prese con la Brexit, sta crescendo la pressione sul Regno Unito affinché rinunci alla sua ultima colonia africana. E pensare che solo 80 anni fa la potenza coloniale di Londra riguardava ¼ della popolazione mondiale.

A febbraio, la Corte internazionale di giustizia ha dichiarato illegittima l’operazione conclusa da Londra nel 1965, ovvero l’acquisto dell'arcipelago di Chagos.

Poi, a maggio, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha confermato la sentenza a stragrande maggioranza, con 116 Stati membri che hanno votato a favore di una risoluzione che fissava un termine di sei mesi per il ritiro del Regno Unito. Solo sei membri hanno respinto la proposta, tra i quali Stati Uniti, Ungheria, Israele e Australia. La scadenza fissata dal Palazzo di vetro di New York è il 22 novembre.

Il Regno Unito prova, tuttavia, a difendersi sostenendo che non può rinunciare alle Isole Chagos per motivi di sicurezza.

Fonte

Articoli correlati

Clima, al via la conferenza Cop25. Onu: “Vicini a un punto di non ritorno”

quoted business

Clima, al via la conferenza con 196 paesi. L’Onu: “Vicini a un punto di non ritorno”

Planet
John Bolton, il "falco" licenziato da Trump perché voleva la fine dell’Onu

quoted business

John Bolton, il "falco" licenziato da Trump perché voleva la fine dell’Onu

Global
Addio a Kofi Annan, diplomatico di talento, ha guidato l'Onu per 10 anni

quoted business

Addio a Kofi Annan, diplomatico di talento, ha guidato l'Onu per 10 anni

Strategie & Regole
Clima, Onu: Pianeta sconvolto da incendi e siccità

Clima, Onu: Pianeta sconvolto da incendi e siccità

Planet

Energia termonucleare, la rivoluzione è più vicina?

La fusione nucleare controllata è un tentativo di imitare le reazioni del Sole per ottenere una fonte energetica rinnovabile ed ecologica. Ma è necessario portare i nuclei degli atomi di idrogeno a fondersi e a formare un atomo di elio. In questa reazione, secondo gli scienziati, si sprigiona una grande quantità di energia. Il problema è che i nuclei atomici per fondersi devono superare la barriera di Coulomb e per fare questo necessitano di energia, dunque di calore. [continua ]

Energie & Risorse

Eni-Algeria, assoluzione per tutti in appello. La maxitangente da 197 mln non c’è stata

Sentenza di primo grado riformata e tutti assolti. Così è finito il caso delle sospette tangenti algerine che riguardavano Saipem ed Eni alla seconda Corte d’Appello di Milano. La Corte ha assolto Eni e l’ex ad del colosso petrolifero Paolo Scaroni, attualmente presidente del Milan, nel processo con al centro il caso Saipem-Algeria su una presunta maxitangente algerina da 197 milioni di dollari. [continua ]

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com