Italia e Spagna pronte a riprendere l’import di petrolio dal Venezuela. Gli Usa hanno dato l’ok

Apertura di Washington per Eni e Repsol dopo anni di scambi congelati per le sanzioni: dal prossimo mese via all’import per rimpiazzare il greggio russo

Italia e Spagna pronte a riprendere l’import di petrolio dal Venezuela
Nicolás Maduro Moros, presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela dal 2013

I due colossi petroliferi Eni e Repsol si avviano, a partire da luglio, ad importare petrolio venezuelano per rimpiazzare in parte il greggio russo, oggetto di recente del nuovo round di sanzioni europee. Secondo quanto riporta Reuters, si tratta del primo riavvio degli scambi di petrolio, interrotti due anni fa con le sanzioni imposte da Washington contro il paese sudamericano.

Il volume di petrolio che le due società dovrebbero ricevere non sarebbe particolarmente elevato e l’impatto sui prezzi dovrebbe essere limitato. Lo sblocco però avrebbe un forte valore simbolico dal punto di vista politico perché il via libera di Washington alla ripresa dei flussi di petrolio venezuelani verso l’Europa testimonia la riapertura del dialogo tra il presidente venezuelano Nicolas Maduro e Washington.

Dietro alla mossa Usa ci sarebbe il tentativo statunitense di aiutare il Vecchio continente a ridurre la dipendenza dalla Russia e a reindirizzare parte dei carichi venezuelani destinati alla Cina. Come si suol dire, due piccioni con una fava.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’embargo sul petrolio rischia di far male a tutti tranne che alla Russia
quoted business

L’embargo sul petrolio rischia di far male a tutti tranne che alla Russia

Strategie & Regole

La Cina potrebbe fare con il resto del mondo quello che la Russia sta facendo contro l’Europa

Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Eppure l’attività estrattiva in Cina è limitata. Come si spiega allora questo dominio? [continua ]

Energie & Risorse

L’India approfitta delle sanzioni contro la Russia: compra petrolio a buon mercato e lo rivende all’Europa raffinato e più costoso

Le sanzioni europee contro la Russia stanno alterando l’assetto dell’economia globale. E mettono in evidenza due importanti paradossi. Primo: se l’obiettivo è davvero annientare l’economia russa solo con il gas, non con il petrolio, è possibile. Secondo: se non si introducono sanzioni secondarie, a rimetterci sono anche, e forse soprattutto, i paesi che hanno introdotto le sanzioni stesse. [continua ]

Energie & Risorse
L’Europa è in ‘cul de sac’: il petrolio russo è irrinunciabile. Ecco perché

L’Europa è in ‘cul de sac’: il petrolio russo è (quasi) irrinunciabile. Ecco perché

Energie & Risorse
La Russia è il terzo produttore mondiale di petrolio
quoted business

La Russia è il terzo produttore mondiale di petrolio

Energie & Risorse
In Europa sempre meno gas: costretti a stare al gioco di Russia e Usa
quoted business

In Europa sempre meno gas: costretti a stare al gioco di Russia e Usa

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com