Testate nucleari, Russia e Usa contano da soli per il 93% del totale

Sono oltre 15.000 le testate atomiche negli arsenali di nove paesi

Testate nucleari, Russia e Stati Uniti contano da soli per il 93% del total

Sono ancora oltre 15.000 le testate nucleari negli arsenali dei nove paesi al mondo a esserne dotate, con Russia e Stati Uniti che contano da soli per il 93% del totale. I dati sono contenuti ‘Nuclear Notebook’ della Federation of American Scientists (Fas), pubblicato nel 2016.

Sebbene il numero esatto delle bombe nucleari in possesso di ogni paese sia un segreto di Stato, i ricercatori della Fas hanno elaborato le loro stime sulla base delle informazioni disponibili al pubblico (piuttosto esaurienti nel caso di Stati Uniti e Russia), di un’attenta analisi delle serie storiche e di occasionali indiscrezioni.

Passando ai numeri, nonostante gli enormi progressi nel ridurre gli arsenali nucleari della Guerra Fredda, delle 15.350 testate rilevate ben 1.800 sono pronte a essere lanciate con un breve preavviso.

C’è poi un fattore qualitativo. La continua opera di modernizzazione dell’arsenale atomico è attuata dai paesi che continuano ad accrescere il loro potenziale distruttivo (Cina, Pakistan, India e Nord Corea), ma anche dagli Stati che stanno riducendo il numero delle testate. Tradotto, meno bombe ma più efficienti per tutti.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

“La Russia ha finanziato partiti politici in oltre 20 Paesi”

“La Russia ha finanziato partiti politici in oltre 20 Paesi”

Strategie & Regole

Sachs: “Il grande errore degli Usa è credere che la Nato sconfiggerà la Russia”

Gli errori dell’Occidente nei rapporti con la Russia post-sovietica hanno contribuito ad aprire la strada al nazionalismo revanscista di Putin? L’economista: “Usa e Australia si stanno strappando i capelli per un patto di sicurezza tra la Cina e le Isole Salomone, che è visto come una terribile minaccia alla sicurezza dall’Occidente. Come si deve sentire allora la Russia riguardo all’allargamento della Nato all’Ucraina?” [continua ]

Global
Stati Uniti e Russia distano appena 4 chilometri
quoted business

Washington e Mosca sono divise da poco meno di 8 mila km. Ma Usa e Russia distano appena 4 km

Global
quoted business

Londra: “Kiev può colpire la Russia con le nostre armi”. La replica di Mosca: “Pronti a rappresaglia contro i paesi Nato”. Cresce il timore che il conflitto si allarghi

Putin a Guterres: “All’Onu siamo tutti uguali. Mi sembra strano che qualcuno pensi di essere diverso o migliore. Senza Crimea e Donbass accordo impossibile”. Il segretario generale delle Nazioni Unite in missione a Mosca: “Posizioni distanti”. La Russia esclude la possibilità di un cessate il fuoco [continua ]

Strategie & Regole
L’embargo sul petrolio rischia di far male a tutti tranne che alla Russia
quoted business

L’embargo sul petrolio rischia di far male a tutti tranne che alla Russia

Strategie & Regole
Zelensky: “Mosca vuole trasformarci in schiavi”. E attacca l’Onu

Zelensky: “La Russia vuole trasformarci in una terra di schiavi silenziosi”. E attacca l’Onu

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com