Rivoluzione a Cuba: economia di mercato, proprietà privata e investimenti esteri

Il paese latino potrebbe annunciare nei prossimi giorni il riconoscimento ufficiale della proprietà privata e degli investimenti esteri

Rivoluzione sull’isola, verso l’economia di mercato

Cuba si sta lentamente muovendo verso il riconoscimento della proprietà privata e degli investimenti esteri. Nei prossimi giorni potrebbero esserci annunci clamorosi in questo senso. Si tratterebbe della riforma costituzionale più importante degli ultimi decenni.

Anche Cina e Vietnam hanno scelto il libero mercato

La mossa segue il ritiro ad aprile di Raúl Castro, fratello del rivoluzionario Fidel morto nel 2016, e suggerisce un cambiamento di Cuba in una fase storica in cui altri paesi con un'economia pianificata, tra i quali Cina e Vietnam, hanno abbracciato il libero mercato. Ma il governo farebbe volentieri a meno di giovani con un calice di champagne in una mano e nell’altra il volante di una Ferrari già visti in abbondanza sulle strade di Pechino.

La minaccia incombe, siempre

"L'imperialismo è all’attacco dei governi di sinistra in America Latina", ha detto il presidente Miguel Díaz-Canel, ingegnere di 58 anni che ha sostituito Raúl Castro in aprile, in un recente discorso all'Avana. "Oggi, più che mai, richiediamo l'unità della nostra gente. . . per affrontare questa minaccia reazionaria".

Cambiamenti epocali

Al di là dei comizi, in realtà la proprietà privata e gli investimenti stranieri sono già un fatto concreto a Cuba. Tuttavia la riforma offrirebbe un riconoscimento ufficiale e porterebbe il paese latino verso epocali trasformazioni. Forse quella più significativa potrebbe essere la creazione della figura del primo ministro, che condividerebbe il potere con il presidente. Novità assoluta per Cuba, dove ancora oggi i ristoratori non possono avere più di 50 posti a sedere.

Fonte

Articoli correlati

L'isola 'controlla' il Venezuela?

Cuba 'controlla' il Venezuela?

Strategie & Regole

quoted business

Cuba, svolta digitale: wifi libero

Dal 29 luglio Cuba cambia. In parte. Il web diventa libero e la rete si estende anche ai privati. Chiunque potrà creare una propria rete, importare dall’estero i modem per trasmettere, installare un fascio di collegamento via cavo, wireless e perfino la fibra ottica. I cubani hanno fame di notizie e le autorità hanno capito di non poter fermare l’onda. Certo, i costi sono ancora proibitivi, ma scenderanno nel tempo. Ciò che conta è che finora internet era un’esclusiva del governo. [continua ]

Innovazione

Cuba, il salario medio mensile dei dipendenti pubblici non supera i 28 euro

Il salario medio dei dipendenti delle imprese statali di Cuba è equivalente a poco meno di 28 euro al mese, fattore che rende difficile la vita per chi rimane e incita tutti gli altri ad emigrare. Intervenendo alla Centrale dei lavoratori di Cuba, l'unica organizzazione sindacale dell'isola caraibica, il ministro del Lavoro cubano, Margarita González Fernández ha confermato che la retribuzione media mensile (ovvero la maggioranza degli occupati totali) è pari a 27,7 euro. [continua ]

Jobs & Skills
Finisce l'era dei Castro. Si apre un cambiamento epocale

Verso un cambiamento epocale, finisce l'era dei Castro

Strategie & Regole
Le nostre forze di polizia sono sottodimensionate?

Le nostre forze di polizia sono sottodimensionate?

Ue
Strategie & Regole
Via tutti i pc e i programmi made in Usa: è la damnatio memoriae

quoted business

Via tutti i pc e i programmi made in Usa: è la damnatio memoriae imposta dalla Cina

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com