“L’estate di Praga”, folla in piazza contro il premier

A Piazza San Venceslao, la stessa della rivolta del 1989 contro il comunismo, in trecentomila chiedono le dimissioni di Andrej Babis, accusato di frode

“L’estate di Praga”, folla in piazza contro il premier

Centinaia di migliaia di persone – 250 mila secondo gli organizzatori - hanno manifestato a Praga per chiedere le dimissioni del premier ceco Andrej Babis, accusato di frode, e a favore dell'indipendenza della giustizia.

A Piazza San Venceslao non erano mai stati così numerosi a protestare contro il potere da trent'anni fa, da quando i giovani nell'autunno del 1989 sfilarono per chiedere la svolta, la fine della lunga notte del comunismo.

Andrej Babis, il premier contestato, amico di Orbán e Kaczynski nel gruppo di Viségrad, è un autocrate ricchissimo. Da aprile la polizia ha chiesto la sua incriminazione per malversazione di fondi pubblici e di sussidi dell'Unione europea a favore di almeno una delle sue molte aziende, il centro residenziale di lusso "Nido delle cicogne".

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com