La Germania: “Stop a troika e austerità”. Ma conferma il ‘no’ ai coronabond

I ministri degli Esteri e delle Finanze tedeschi: “Il Mes mette a disposizione i mezzi necessari, senza bisogno di troika, controllori o commissioni, ma va adeguato in modo ragionevole”. Il problema è proprio quel ‘ragionevole’ che conferma l’apertura di Berlino verso il Mes (anche se non sottoposto di fatto ad alcuna condizione) e, indirettamente, il ‘no’ ai coronabond

Berlino: “Stop a troika e austerità”. Ma conferma il ‘no’ ai coronabond
Heiko Maas (a sx) e Olaf Scholz

Un messaggio chiaro, quello che la Germania ha deciso di lanciare attraverso le parole dei ministri degli Esteri e delle Finanze (rispettivamente, Heiko Maas e Olaf Scholz) su cinque giornali di cinque paesi membri, i più colpiti dalla crisi del coronavirus e quelli con maggiori aspettative in vista dell’incontro dell’Eurogruppo di martedì.

I due leader ammettono i ritardi iniziali e riconoscono che “in un primo momento la risposta europea non è stata convincente”. Ma ora la Germania è pronta a fare la sua parte – assicurano i ministri tedeschi Maas e Scholz – non solo sostenendo la proposta di allentare i criteri del patto di stabilità, ma anche quella di estendere il programma di acquisto di titoli di Stato e di stanziare somme miliardarie provenienti dai fondi straordinari del bilancio dell’Ue.

Oltre a tutto questo, per stabilizzare i Paesi più colpiti dalla crisi, la proposta di Maas e Scholz è quella di provvedere a “sufficiente liquidità in tutti gli Stati Ue” in modo da non far dipendere “la tutela dei posti di lavoro dagli umori degli speculatori”. L’importante è che i mezzi finanziari non siano vincolati “a condizioni inutili”, pena “la ricaduta nella politica dell’austerità”che “porterebbero a una disparità di trattamento di singoli Stati membri”.

Nel vertice del 7 aprile molto si giocherà sulla definizione esatta di quelle “condizioni inutili”. E su un’altra frase dei due ministri: il Meccanismo Europeo di stabilità mette a disposizione questi mezzi, “senza bisogno di troika, controllori o commissioni”, ma va adeguato “in modo ragionevole”. Il problema è proprio quel ‘ragionevole’ che sembra confermare l’apertura verso il Mes (anche se non sottoposto di fatto ad alcuna condizione)e, indirettamente, il ‘no’ ai coronabond.

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com