L’esercito statunitense sta costruendo l’arma laser più potente del mondo

Si chiama ‘Tactical Ultrashort Pulsed Laser for Army Platforms’ ed emetterebbe impulsi di luce simili a proiettili

L’esercito sta costruendo l’arma laser più potente del mondo

L’esercito degli Stati Uniti sta costruendo un’arma laser oltre un milione di volte più potente di qualsiasi altra usata prima.

Le armi laser esistenti producono un raggio continuo che viene mantenuto su un bersaglio, come un drone o un missile, fino a quando non si scioglie. La nuova arma, nota come ‘Tactical Ultrashort Pulsed Laser for Army Platforms’, sarebbe più simile ai laser dei film di fantascienza, che emettono impulsi di luce simili a proiettili.

Questi impulsi laser ultracorti hanno una potenza estrema per periodi di tempo incredibilmente brevi: il progetto mira a un impulso di terawatt della durata di appena 200 femtosecondi, rispetto a un massimo di 150 kilowatt per i sistemi precedenti.

Il laser produrrebbe da 20 a 50 impulsi al secondo, per una potenza nominale complessiva da 20 a 50 watt, circa 10 volte più di una lampadina a Led. Laser ultracorti così potenti vengono già utilizzati in laboratori e fabbriche, ma l’esercito statunitense punta a una versione robusta che possa essere puntata su bersagli lontani.

Su lunghe distanze i laser normali sono inefficaci perché il raggio si diffonde, ma gli impulsi ultracorti possono essere modellati in impulsi luminosi auto-focalizzati chiamati solitoni che trasformano l'aria stessa in una lente, rifocalizzando continuamente l'impulso. Un’arma del genere produrrebbe effetti drammatici. Il rapido aumento della temperatura dall’impulso ultracorto vaporizzerebbe la superficie di un bersaglio piuttosto che fonderlo, una tecnica utilizzata industrialmente per praticare fori precisi nel metallo.

Le armi laser sono destinate all’uso contro bersagli piccoli e in rapido movimento come droni o missili. Se usate per colpire un essere umano, provocherebbero ustioni, ma sarebbero meno dannose delle armi convenzionali.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com