Giappone, il premier Abe vince ma non abbastanza a cambiare la Costituzione

La coalizione di centrodestra vince le elezioni per il rinnovo di circa metà dei seggi della Camera alta ma resta sotto la soglia dei due terzi necessaria ad abolire l'obbligatorietà del pacifismo prevista dalla Carta fondamentale

Elezioni, il premier Abe vince ma non abbastanza a cambiare la Costituzione
Il premier giapponese Shinzo Abe

La coalizione di governo guidata da Shinzo Abe vince le elezioni per il rinnovo di circa la metà dei seggi del Senato. Il premier giapponese ottiene di nuovo la maggioranza, ma il risultato gli preclude la possibilità di far passare agevolmente la riforma della Costituzione, suo obiettivo dichiarato.

I liberal-democratici, assieme al partito alleato di centrodestra, Komeito, ottengono almeno 66 seggi dei 124 seggi disponibili nella Camera alta, contro i 43 dell'opposizione. L'alleanza conservatrice rimane quindi lontana dalla soglia dei due terzi dei voti necessari in entrambe le camere del Parlamento per la revisione della Carta fondamentale, che non è mai stata modificata dal 1947.

Il primo ministro giudica prioritaria la modifica dell'articolo 9: lo scopo è dare legittimità alle forze di Autodifesa, rendendole più funzionali agli attuali equilibri geopolitici. Abe vorrebbe cancellare dalla Carta l'obbligatorietà del pacifismo. Un cambiamento che andrebbe a infrangere un tabù che risale alla Seconda guerra mondiale, finita con l'atomica su Hiroshima e Nagasaki. Secondo il premier, il divieto di qualsiasi partecipazione del Giappone a conflitti armati è ormai superato dalla storia.

Un tema che tuttavia non sembra aver coinvolto più di tanto i nipponici. Gli ultimi sondaggi mostrano come i cittadini ritengano più importanti argomenti come la riforma delle pensioni (il paese ha l’aspettativa di vita più alta al mondo e i tassi di natalità ai minimi storici) e il controverso aumento dell'imposta sui consumi (dall’8 al 10%), quest'ultima voluta dal governo a partire da ottobre. In tal modo si spiega il parziale successo di Abe.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com