Ghosn dal Giappone al Libano: giallo internazionale sulla fuga

L’ex ad di Renault-Nissan agli arresti dal 25 aprile per illeciti finanziari. Il manager brasiliano arriva misteriosamente a Beirut: era ai domiciliari

Ghosn da Tokyo al Libano: giallo internazionale sulla fuga

È un giallo internazionale quello della fuga dell’ex presidente e amministratore delegato del gruppo Renault-Nissan, Carlos Ghosn. Il manager, condannato per una serie di illeciti finanziari, dal Giappone è già arrivato in Libano con un aereo privato, eludendo tutta una serie di controlli delle autorità giudiziarie e di frontiera visto che si trovava agli arresti domiciliari dal 25 aprile scorso.

È tuttavia complicato lasciare il Giappone senza destare sospetti, soprattutto perché Ghosn è persona assai nota così come il suo status di condannato e agli arresti.

Questo implica che l’ex Ceo di Renault-Nissan abbia avuto qualche concessione dalle autorità giudiziarie locali oppure che sia stato agevolato da qualcuno. O ancora che si sia imbarcato su quel jet privato fuori dal territorio nipponico. Non è escluso che Ghosn si sia avventurato con un’imbarcazione nelle acque internazionali per raggiungere “la stessa Corea del Nord dove poteva contare sull’appoggio di qualche funzionario o faccendiere locale”.

Dubbi che si sommano a quelli dell’arrivo in Libano, un Paese blindato ai confini a causa delle tensioni politiche e sociali interne e internazionali. Occorre capire ora come le autorità di Beirut si vorranno muovere nei confronti del loro illustre concittadino.

La parabola calante dell’ex top manager inizia nel 2018 dopo un anno e mezzo alla guida dell’Alleanza Renault-Nissan: nel novembre dello scorso anno scatta infatti l’arresto a Tokyo per illeciti finanziari. La Procura della capitale nipponica lo ha incriminato con quattro capi d’imputazione, tra cui frode fiscale, e il processo è in agenda per il 2020. Finora erano state respinte tutte le richieste di libertà su cauzione avanzate dai suoi legali.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com