Giappone, il principe Fumihito è stato designato ufficialmente erede al trono

Il paese nipponico rappresenta la più antica monarchia ereditaria ininterrotta (ancora esistente) del mondo a partire dall’ascesa dell’imperatore Jinmu, datata ufficialmente l’11 febbraio 660 a.c.

Fumihito, il principe è stato designato ufficialmente erede al trono
Il principe Fumihito (al centro)

Il principe ereditario del Giappone, Fumihito (54 anni), è stato ufficialmente dichiarato il prossimo in lista per il Trono del Crisantemo. A causa della pandemia, la cerimonia si è tenuta in formato ridotto ed è durata solo circa 15 minuti.

Si sono così conclusi i rituali di successione imperiale tenuti da quando suo fratello maggiore, l’imperatore Naruhito (60 anni), è salito al trono nel maggio dello scorso anno in seguito all’abdicazione del padre 86enne, l’ex imperatore Akihito e primo monarca giapponese a dimettersi in oltre 200 anni.

La proclamazione apre la strada al governo per iniziare a discutere su cosa fare a proposito della grave carenza di eredi. La successione di Naruhito ha fatto sì che restassero solo due uomini più giovani in linea per il trono: Fumihito e suo figlio di 14 anni, Hisahito.

Questo nonostante la presenza della figlia diciottenne di Naruhito, Aiko, e delle due figlie del principe ereditario Mako e Kako: la legge non consente alle donne di diventare imperatrici e le mette al bando quando sposano cittadini comuni.

Il paese nipponico rappresenta la più antica monarchia ereditaria ininterrotta (ancora esistente) del mondo. La casa imperiale riconosce 126 monarchi legittimi a partire dalla ascesa dell’imperatore Jinmu, datata ufficialmente l’11 febbraio 660 a.C.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com