Ammontano a 4.200 mld i risparmi degli italiani. E 1/3 è ‘fermo’ sui conti correnti

Gli analisti di Ener2Crowd.com: “Anche solo il 10% di questa ricchezza investita nella sostenibilità ambientale ed energetica porterebbe ad una crescita del 6% l’anno, più dell’intera economia cinese prima del Coronavirus”

Ammontano a 4.200 mld i risparmi degli italiani. E 1/3 è ‘fermo’ sui conti

Sempre più risparmiatori guardano al lending crowdfunding come ad un possibile sbocco per i loro capitali. Capitali che in Italia ammontano complessivamente a 4.200 miliardi di euro di cui 1.500 mld sono fermi sui conti correnti.

Stiamo parlando di 70 mila euro pro-capite. “Anche solo il 10% di questa ricchezza investita nella sostenibilità ambientale ed energetica — su Ener2Crowd.com ad esempio— porterebbe ad una crescita del 6% l’anno, più dell’intera economia cinese prima del Coronavirus” spiega Giorgio Mottironi, co-fondatore di Ener2Crowd.com nonché chief analyst del GreenVestingForum.it.

Ci guadagnerebbero tutti e subito, beneficiando di guadagni diretti e redistribuiti che grazie ai benefici ambientali e fiscali sarebbero ancora una volta riutilizzabili per investimenti o per ridurre la pressione fiscale. “E si tratterebbe appena di un modesto 10% dei risparmi degli italiani, ossia di circa 7.000 euro per abitante, dai quali risulterebbe anche un gettito diretto per le casse dello Stato pari a 2 miliardi di euro l’anno” conclude Mottironi.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com