Il governo Draghi vuole davvero avviare la ‘transizione ecologica’?

Duro attacco contro il ribattezzato ‘ministro della Finzione ecologica’: “Contro l’aumento delle bollette bisogna puntare su rinnovabili ed efficienza. Ma Roberto Cingolani fa finta di non saperlo”

Il governo Draghi vuole davvero avviare la ‘transizione ecologica’?
Grafico Fer (Fonti energia rinnovabile)

I principali passaggi del duro attacco sferrato dal direttore di Greenpeace Italia Giuseppe Onufrio contro il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani.

“Il ministro della ‘Finzione Ecologica’ Roberto Cingolani, dopo aver attaccato gli ambientalisti e straparlato di nucleare, ora sfrutta l’impennata dei prezzi del gas per far passare il messaggio che ‘la transizione ecologica costa’, seguito a ruota da gran parte dei media. Cingolani mente sapendo di mentire. Lo stesso vicepresidente dell’Unione Europea Frans Timmermans ha replicato dicendo che, se avessimo fatto il Green Deal cinque anni fa, puntando molto di più sulle rinnovabili, oggi non saremmo in questa situazione.”

“Il prezzo del gas fossile, infatti, oscilla di continuo, ma questa impennata, che riguarda l’intera Europa, è dovuta a diversi fattori. Anzitutto, in queste settimane c’è stata una forte ripresa dell’economia accompagnata da una contestuale riduzione delle forniture dalla Russia. È salito anche il prezzo della CO2, ma le ricadute di questo aumento sono marginali su quello che sta accadendo, dato che questa situazione dipende dal prezzo del gas in Europa. Di certo c’è che il prezzo del gas, e dunque dell’elettricità prodotta con questo combustibile fossile, è schizzato alle stelle. Ma, va ricordato, il prezzo della componente energia influenza le bollette per circa il 50 per cento.”

“In Italia le rinnovabili, dopo un breve momento di boom, sono state frenate (come dimostra il grafico Fer che rappresenta la potenza installata degli impianti di produzione elettrica alimentati da fonti di energia rinnovabile nel nostro paese) proprio perché avevano invaso quote di mercato che erano coperte dalla produzione di elettricità da gas fossile. Per raggiungere i nuovi obiettivi europei di riduzione delle emissioni di gas serra e di quota prodotta con le fonti rinnovabili, avremmo dovuto installare già da tempo 6-7 GW all’anno, dunque fare come nel biennio 2011-2012. Invece, da circa dieci anni, andiamo a rilento. Uno scenario energetico commissionato da Greenpeace Italia dimostra che è possibile portare il Paese a emissioni zero con uno piano di sviluppo sostenuto dalle fonti rinnovabili, mentre il consumo di gas può diminuire e progressivamente arrivare a zero nel 2040.”

“Ma questa prospettiva non è ovviamente gradita ad aziende come Eni, che continuano a fare della ricerca di nuovi giacimenti di petrolio e gas la loro attività principale (da poco hanno scoperto un giacimento in Costa d’Avorio), mentre gli scienziati avvertono che buona parte delle risorse fossili già note vanno lasciate dove sono: sottoterra.”

“L’inazione è la nuova forma di negazionismo climatico: lasciare le cose come stanno, e dunque gas fossile e petrolio al centro del sistema energetico, per bloccare ogni serio cambiamento. Tutto questo nonostante nel PNRR, almeno a parole, l’Italia dica di voler dare una spinta seria alle rinnovabili.”

“Per distrarre l’opinione pubblica, viene usato inoltre anche il tema nucleare. Prima la fusione (ancora in fase di ricerca e sviluppo), poi i mini-reattori (tecnologie vecchie) e poi il nucleare di IV generazione (anch’esso allo studio). Una boutade velenosa, quella di Cingolani sul tema, che fa parte della campagna per distogliere l’attenzione e bloccare tutto. Ci chiediamo dunque: il governo Draghi vuole davvero avviare la “transizione ecologica” o, come sembra, la vuole bloccare? Vuole contribuire a salvare il clima o vuole solo difendere gli interessi fossili di Eni?”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Iran e Russia provano a riconfigurare il mercato globale di petrolio e gas

Iran e Russia provano a riconfigurare il mercato globale di petrolio e gas

Energie & Risorse
Dall’Ue 100 mld alla Russia per carbone, petrolio e gas da febbraio

Dall’Ue 100 mld alla Russia per carbone, petrolio e gas da febbraio

Global

Via libera del G7 al tetto al prezzo del petrolio russo. Von der Leyen: ”Ora anche sul gas”. Mosca: “Stop alle forniture”

La misura dovrebbe diventare efficace dal 5 dicembre per il greggio e dal 5 febbraio per i prodotti raffinati. Ma i livelli dei prezzi non sono stati ancora fissati. Il vice premier russo avverte: “Stop alle forniture di petrolio a chi impone il price cap”. Il portavoce del Cremlino: “Un tetto al prezzo destabilizzerà il mercato”. La Germania non sembra convinta. Scholz: “Per la Germania sarebbe poco responsabile rinunciare al gas russo” [continua ]

Economia
Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso
quoted business

Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso sotto i 100 dollari

Energie & Risorse

Non solo gas e petrolio. Quella stretta dipendenza tra il colosso russo Rosatom e l’industria atomica europea, in particolare francese

Chi ha deciso che gas e nucleare sono sostenibili: l’Ue o la Russia? Tre colossi della Federazione (Gazprom, Lukoil e Rosatom) hanno portato avanti un’estenuante attività lobbying per far includere gas e nucleare nella tassonomia verde. [continua ]

Strategie & Regole
Dalle grandi banche 4.600 miliardi di dollari alle fossili in appena 6 anni

Dalle grandi banche 4.600 miliardi di dollari alle fossili in appena 6 anni

Planet

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com