Ferrari, numeri in crescita. In arrivo nuovi modelli e dal 2020 il 60% delle auto vendute saranno ibride

Ferrari, performance in crescita. In arrivo nuovi modelli

In un evento privato presso la sede di Maranello, Ferrari ha annunciato una nuova supercar open-top che offre prestazioni prossime alla Formula 1. Si chiamerà "Monza" e con i suoi 810 cavalli sarà la più potente di sempre nella storia del cavallino rampante.

Louis Camilleri, che è diventato amministratore delegato dopo la morte a luglio di Sergio Marchionne, ha dichiarato che entro il 2020 il 60% delle auto vendute monteranno motori ibridi, oltre ad aver pianificato il lancio di 15 nuove auto tra il 2019 e il 2022. Tra queste, seguendo le orme di concorrenti di lusso come Lamborghini e Aston Martin, ci saranno i primi veicoli sportivi (Suv) di Ferrari chiamati Purosangue. 

E i numeri sembrano premiare la strategia della casa automobilistica italiana. Camilleri ha fissato l'obiettivo di raddoppiare i profitti a 2 miliardi di euro entro il 2022 e punta ad aumentare le vendite a 5 mld entro il 2022, rispetto ai 3,4 mld registrati nel 2017. Intanto sono migliorati alcuni target per il 2018: gli investimenti salgono da 550 a circa 650 milioni, il debito industriale netto scende da 400 a 350 milioni. Confermato l'ebitda uguale o superiore a 1,1 miliardi e oltre 9.000 consegne. Il dividendo in crescita arriverà al 30% dei profitti nel 2022 (oggi è al 25%) e prevede un buy back di 1,5 miliardi nei prossimi 4 anni.

La voce di quoted

Ferrari è ormai alla pari con i giganti del lusso di Parigi e Ginevra. Ma cosa hanno in comune oltre alla crescita delle vendite senza soluzione di continuità? Le performance di questi brand sono strettamente legate all’aumento della quota di super-ricchi determinato dalla globalizzazione. La popolazione mondiale dei cosiddetti “ultra high net-worth”, ovvero coloro che dispongono di asset da oltre 30 milioni di dollari, è aumentata del 12,9% nel 2017, arrivando in termini assoluti alla quota di 255.810 persone.
Fonte

Articoli correlati

Ferrari, gli utili crescono ancora

Ferrari, gli utili crescono ancora. E torna a essere il marchio più forte al mondo

Corporate
Ferrari, utile netto record nel primo trimestre: +19,4%

quoted business

Ferrari, utile netto record nel primo trimestre: +19,4%. Su base annuale saliranno a 1,1 mld di euro

Mobilità

quoted business

Della Valle: “Non lascio”. Anzi, rilancia

Diego Della Valle nega. Dice che sta benissimo dove sta e non ha intenzione di lasciare nessuna delle due importanti poltrone che occupa in Tod’s, presidente e amministratore delegato. Nessun passo indietro come anticipato da qualcuno? Tutt’altro. Diego Della Valle ha ritoccato al rialzo la quota di controllo detenuta direttamente ed indirettamente in Tod's, al 63,03% dal 61,65% dell'ultimo aggiornamento pubblicato da Consob. [continua ]

Corporate
Se i lavoratori si reinventano imprenditori

"Workers buyout", se i lavoratori si reinventano imprenditori

Corporate

Rai

Cioccolato di alta qualità, Illy si espande nei dolci e acquista Prestat

Non solo caffè per Illy. Il gruppo triestino ha annunciato di aver acquisito Prestat, brand di cioccolato del Regno Unito, noto per aver ispirato "La fabbrica di cioccolato", il celebre romanzo per ragazzi di Roald Dahl. Il valore dell'operazione non è stato reso noto, ma la società ricorda che Prestat nel 2018 ha generato vendite per 7 milioni di sterline, ha circa 100 dipendenti e rifornisce alcune catene distributive prestigiose. [continua ]

Corporate
Frase del giorno - Numeri

Rai

Alitalia ha chiuso il 2018 con un Ebitda negativo di 154 mln: rispetto al 2017 il rosso è più che dimezzato. Ci sono 703 mln di liquidità, di cui 506 in cassa e 197 di depositi.

Corporate

La voce di quoted

Ferrari è ormai alla pari con i giganti del lusso di Parigi e Ginevra. Ma cosa hanno in comune oltre alla crescita delle vendite senza soluzione di continuità? Le performance di questi brand sono strettamente legate all’aumento della quota di super-ricchi determinato dalla globalizzazione. La popolazione mondiale dei cosiddetti “ultra high net-worth”, ovvero coloro che dispongono di asset da oltre 30 milioni di dollari, è aumentata del 12,9% nel 2017, arrivando in termini assoluti alla quota di 255.810 persone.
www.quotedbusiness.com