Scende la produzione e sale l'utile: il primo trimestre di Eni

Scende la produzione e sale l'utile: il primo trimestre di Eni

Nonostante un trimestre caratterizzato da una riduzione della produzione, rispetto a un anno fa, e con un prezzo medio del barile più basso (non sono considerati i rialzi degli ultimi giorni), Eni è riuscito a segnare un risultato netto pari a 1,09 miliardi di euro. Il risultato del Gruppo controllato dal Tesoro è dovuto – secondo l’azienda - alla maggiore qualità della produzione.

I nuovi siti in Egitto, Ghana, Angola e Indonesia hanno costi più bassi, una maggiore efficienza e hanno permesso margini più alti. Questo vale sia per la produzione di petrolio, sia di gas.

Stabile l’attività nel settore Gas&Power nel trimestre, con vendite rimaste pressoché inalterate e 2,7 miliardi di metri cubi di Gnl, mentre nella parte retail i clienti sono cresciuti del 6% (ha influito su questo dato l’acquisizione delle attività in Grecia).

Infine, in pareggio le attività nella raffinazione e nella vendita di carburanti, con la seconda che ha compensato le perdite della prima, mentre la chimica ha un risultato negativo per 46 milioni.

Fonte

Articoli correlati

La doppia crisi del petrolio e del Covid-19. Eni, utili trimestrali: -94%

Eni

La doppia crisi del petrolio e del Covid-19. Eni, utili nel 1° trimestre: -94%

Corporate
Renzi: “Non abbiamo negato i pieni poteri a Salvini per darli ad altri”

quoted business

Renzi a Conte: “Non abbiamo negato i pieni poteri a Salvini per darli a qualcun’altro”

Strategie & Regole

quoted business

Giochi fatti per le nomine del Tesoro: confermati gli ad di Eni, Enel, Leonardo, e Poste

Le ultime ore di un negoziato durato tre mesi, e duro fino alla fine, non sembrano aver cambiato la sostanza delle cose sul dossier nomine delle grandi partecipate del Tesoro. Ecco la lista dei 14 top manager (si attende a breve la conferma del governo) destinati ai vertici delle sette maggiori aziende in questione: Enel, Eni, Leonardo, Poste Italiane, Terna, Mps, ed Enav. [continua ]

Economia
Il petrolio crolla del 60%. Un litro di benzina del 5%

Il petrolio crolla del 60%. Un litro di benzina del 5%

Energie & Risorse

Bottiglia di pomodoro, il contenitore costa più del contenuto

Quando si acquista una passata al supermercato si paga più per la bottiglia che per il pomodoro contenuto. È quanto emerge da una analisi condotta da Coldiretti. In una bottiglia di passata di pomodoro da 0,7 litri in vendita mediamente a 1 euro la metà del valore (45%) è il margine della distribuzione commerciale, il 20% è assorbito dai costi di produzione industriali, un altro 20% da quelli della bottiglia con gli imballaggi, il 10% è il valore riconosciuto al pomodoro, e il 5% ai trasporti. [continua ]

Jobs & Skills
400 nomine in 75 partecipate: tutte le poltrone da spartirsi

400 nomine in 75 partecipate: da Eni a Poste e Mps, tutte le poltrone da spartirsi in poche settimane

Economia

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com