Il giallo dei Nutella Biscuits. E la guerra delle creme a colpi di olio di palma

Negli ultimi 12 mesi c’è stato prima il lancio della Crema Pan di Stelle targata Barilla, poi l’arrivo dei Nutella Biscuits di Ferrero. Infine, l’ultima risposta del Gruppo di Parma con i Biscocrema. Una battaglia commerciale che nasconde radici più profonde legate all’olio di palma

Il giallo dei Nutella Biscuits. E la guerra delle creme a colpi di olio

27 mila confezioni nella sola prima settimana di vendite, oltre un milione la seconda e più di un milione e mezzo la terza. Ma il fatto più incredibile è che contengono l’olio di palma.

Pochi anni fa, quando si diffuse l’idea che l’olio di palma andasse evitato a ogni costo, la maggior parte dell’industria dolciaria si precipitò a scrivere sulle confezioni che tra gli ingredienti non c’era il fatidico olio.

Ma uno dei leader del mercato disse no. Così il Gruppo Ferrero avviò una campagna marketing imponente attraverso uno spot che recitava così: “Come tutti gli oli vegetali di qualità, il nostro olio di palma è sicuro. Proviene da frutti spremuti freschi, da fonti sostenibili ed è lavorato a temperature controllate”. Si consideri che nella Nutella – attraverso la spalmabile Ferrero controlla il 53% del mercato mondiale della crema alle nocciole valutato in circa 2 miliardi di euro l’anno – l’olio di palma rappresenta il 20% del prodotto finale.

A distanza di anni, i numeri danno ragione al colosso di Alba. E, secondo alcuni, l’olio di palma è persino più indicato per gli alimenti a lunga conservazione, quello con il ‘punto di fumo’ più sicuro e più resistente ai fattori ambientali, oltre a essere nettamente più economico rispetto a tutti gli altri olii vegetali.

Al contrario, un altro gigante dell’industria dolciaria è andato in direzione opposta. Pan di stelle, brand del gruppo Barilla nato dal primo biscotto Mulino Bianco al cacao nel 1983, ha lanciato così nei giorni scorsi Biscocrema, unendo la frolla alla ormai famosa crema Pan di stelle ricoperta di uno strato di cioccolato.

La guerra sugli scaffali era in realtà già esplosa: negli ultimi dodici mesi c’è stato prima il lancio della Crema Pan di Stelle targata Barilla, poi l’arrivo dei Nutella Biscuits di casa Ferrero. Infine, l’ultima risposta del Gruppo di Parma con i Biscocrema. Una battaglia commerciale che nasconde radici più profonde legate appunto all’olio di palma.

Articoli correlati

Cassa integrazione: sono oltre 200 mila le aziende ‘furbette’

Cassa integrazione: sono oltre 200 mila le aziende ‘furbette’

Corporate

FCA sotto indagine per le emissioni

La GdF ha condotto delle perquisizioni negli uffici del Gruppo FCA nell’ambito di un’indagine della Procura di Torino collegata a un'analoga inchiesta delle autorità giudiziarie tedesche. L’ipotesi investigativa è legata alla possibilità che su alcuni modelli siano stati installati dispositivi di controllo del motore non conformi alla regolamentazione europea: in condizioni reali di guida le emissioni inquinanti sarebbero superiori a quelle rilevate in sede di omologazione. [continua ]

Corporate

Oltre 1 azienda su 3 rischia la chiusura

“L’impatto della crisi sulle imprese è stato di intensità e rapidità straordinarie, determinando seri rischi per la sopravvivenza: il 38,8% delle imprese italiane (pari al 28,8% dell’occupazione, circa 3,6 milioni di addetti) ha denunciato l’esistenza di fattori economici e organizzativi che ne mettono a rischio la sopravvivenza nel corso dell’anno”. [continua ]

Corporate
Boom di start-up. La Lombardia riparte

Boom di start-up. La Lombardia riparte

Corporate
Alitalia, dopo 11 anni torna pubblica

Alitalia, dopo 11 anni torna pubblica

Corporate

Agi

Easyjet: “Calabria terra di mafia e terremoti”

“Per un assaggio autentico della vivace vita italiana niente di meglio della Calabria. Questa regione soffre di un'evidente assenza di turisti a causa della sua storia di attività mafiosa e di terremoti e la mancanza di città iconiche come Roma e Venezia capaci di attrarre i fan di Instagram”. Così si legge sul sito della compagnia aerea easyJet alla voce ‘Lamezia’, sede del principale aeroporto regionale. [continua ]

Corporate

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com