ArcelorMittal chiede una nuova Cig per oltre 8.000 lavoratori di Taranto

Ira dei sindacati: “Una vergogna”

ArcelorMittal chiede una nuova Cig per oltre 8.000 lavoratori di Taranto

Si complica la situazione di ArcelorMittal, la fabbrica dell’acciaio che a Taranto ha lo stabilimento più grande d’Europa. A poche ore dalla presentazione del nuovo piano industriale da parte del colosso al Governo, ArcelorMittal chiede ai sindacati altra cassa integrazione.

A decorrere dal 6 luglio e per un periodo presumibile di 9 settimane - spiega l’azienda in una lettera alle sigle metalmeccaniche - potrà interessare sino ad un massimo di 8.157 dipendenti, distinti tra quadri, impiegati e operai, che costituiscono l’intero organico aziendale.

Dura la reazione dei sindacati. “ArcelorMittal non va assolutamente bene” dichiara Biagio Prisciano, segretario Fim Cisl. Francesco Brigati, segretario Fiom Cgil: “Quest’azienda ci prende per i fondelli”. E Antonio Talò, segretario Uilm, aggiunge: “Va accompagnata alla porta”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com