Cara Alitalia, quanto mi costi?

L’Italia ha speso 12,6 miliardi per provare a salvare Alitalia

Cara Alitalia, quanto mi costi?

Alitalia è costata al Paese e ai suoi contribuenti 12,6 miliardi di euro, di cui 3 sono quelli che l’attuale Governo ha messo nelle casse per il suo rilancio attraverso una doppia nuova compagnia.

Non esiste un piano industriale come si evince dallo stesso decreto legge “Rilancio”, infatti, quest’ultimo aggiunge gli ulteriori 3 mld e al contempo chiede alla compagnia aerea di stilare un piano facendo implicitamente capire che non vi è ancora una strategia.

La costituzione del nuovo vettore attende un decreto del ministro dell’Economia Gualtieri, prima di allora non esisterà alcuna nuova compagnia.

Ma i fasti di un tempo restano comunque lontani. La ricchezza massima di Alitalia è stata raggiunta nel 1998 quando la proprietà della compagnia di bandiera era nelle mani dell’Iri al 53%: lo stesso Iri che ha venduto l’Ilva e molte altre società italiane prima di proprietà dello Stato.

In quel periodo Alitalia aveva una dotazione pari a 1.817 miliardi e poteva contare su 160 aerei, contro i 112 di oggi, e i dipendenti erano 18.360 (ora 11.132).

E, secondo uno studio di Mediobanca, lo Stato italiano ha immesso nelle casse di Alitalia dal 1974 a oggi 12,6 miliardi di euro. Tutti andati persi, eccetto gli ultimi tre.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Fca, il dividendo straordinario da 2,9 mld diventa incondizionato

Fca, il dividendo straordinario da 2,9 mld diventa incondizionato

Corporate

Il 21% del valore aggiunto dell’economia è prodotto dalle multinazionali

In Italia il 42% del valore aggiunto nazionale è generato dall’1% dei comuni: è quanto emerge dai dati Istat sui risultati economici delle imprese e delle multinazionali a livello territoriale nel 2018. Quanto alla ripartizione territoriale, il valore aggiunto 2018 è prodotto per il 37,8% al Nord-ovest e per il 25,5% nel Nord-est. Seguono il Centro con il 20,4% e il Mezzogiorno con il 16,4%. [continua ]

Corporate

La Saras di Moratti ottiene 350 mln di finanziamento con il Garanzia Italia

Saras (raffinazione petrolio e produzione energia) ha firmato un contratto di finanziamento di 350 milioni di euro, assistito per il 70% dell’importo dalle garanzie rilasciate da Sace nell’ambito del programma Garanzia Italia. Il finanziamento, che sarà principalmente finalizzato a sostenere il capitale circolante della società, è stato sottoscritto da un pool di primari istituti finanziari italiani, composto da Banco Bpm, UniCredit e Intesa Sanpaolo. [continua ]

Corporate

C’è un’altra mortalità che ora spaventa

Nel 2020, a causa del Covid con un crollo dei consumi del 10,8%, si stima la chiusura definitiva di più di 390 mila imprese del commercio non alimentare e dei servizi a fronte di 85 mila nuove aperture. Pertanto, la riduzione delle aziende in questi settori sarebbe di quasi 305 mila imprese. La valutazione è di Confcommercio che ha elaborato i dati Movimprese Unioncamere. [continua ]

Corporate
Luxottica adotta la foresta sfregiata dalla tempesta Vaia

Luxottica adotta la foresta sfregiata dalla tempesta Vaia

Corporate
Torna l’acciaio di Stato

Torna l’acciaio di Stato

Corporate

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com