Boom di start-up. La Lombardia riparte

A  giugno sono 59. Lo stesso dato del 2019

Boom di start-up. La Lombardia riparte

A chiudere il primo gap in regione è una piattaforma di spettacoli teatrali on demand, un fatto simbolico e non certo casuale nell’era del Covid, del distanziamento sociale, della fruizione a distanza di tutto ciò che prima accadeva in modalità “live”.

Piccola realtà che entra nel registro delle imprese a fine mese e che proprio sul filo di lana va a pareggiare in modo decisamente inatteso il numero di start-up avviate in regione. Erano state 59 a giugno 2019, sono esattamente 59 a giugno 2020.

Un piccolo evento, che tuttavia segnala il ritorno alla normalità almeno nei tasselli di base dell’innovazione, nella volontà di avviare attività imprenditoriali innovative. Spinta che appena pochi mesi fa era invece stata annichilita, in parte dall’impossibilità fisica di accedere agli uffici e alla burocrazia, soprattutto dai timori nell’avviare un nuovo business mentre attorno a noi tutto quanto sembra vacillare.

La caduta della “vocazione” innovativa è evidente guardando gli ultimi dati: a marzo le start-up registrate in regione erano state 57, il 25% in meno; ad aprile il crollo era stato del 70%, a maggio del 29%.

Riprende così vigore il motore hi-tech dell’intero Paese, con la Lombardia a rappresentare da sola il 27% delle start-up nazionali.

La Lombardia riparte anche da qui, dalla voglia di fare impresa, pur nelle enormi difficoltà del momento.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com