Boom di start-up. La Lombardia riparte

A  giugno sono 59. Lo stesso dato del 2019

Boom di start-up. La Lombardia riparte

A chiudere il primo gap in regione è una piattaforma di spettacoli teatrali on demand, un fatto simbolico e non certo casuale nell’era del Covid, del distanziamento sociale, della fruizione a distanza di tutto ciò che prima accadeva in modalità “live”.

Piccola realtà che entra nel registro delle imprese a fine mese e che proprio sul filo di lana va a pareggiare in modo decisamente inatteso il numero di start-up avviate in regione. Erano state 59 a giugno 2019, sono esattamente 59 a giugno 2020.

Un piccolo evento, che tuttavia segnala il ritorno alla normalità almeno nei tasselli di base dell’innovazione, nella volontà di avviare attività imprenditoriali innovative. Spinta che appena pochi mesi fa era invece stata annichilita, in parte dall’impossibilità fisica di accedere agli uffici e alla burocrazia, soprattutto dai timori nell’avviare un nuovo business mentre attorno a noi tutto quanto sembra vacillare.

La caduta della “vocazione” innovativa è evidente guardando gli ultimi dati: a marzo le start-up registrate in regione erano state 57, il 25% in meno; ad aprile il crollo era stato del 70%, a maggio del 29%.

Riprende così vigore il motore hi-tech dell’intero Paese, con la Lombardia a rappresentare da sola il 27% delle start-up nazionali.

La Lombardia riparte anche da qui, dalla voglia di fare impresa, pur nelle enormi difficoltà del momento.

Fonte

Articoli correlati

Cassa integrazione: sono oltre 200 mila le aziende ‘furbette’

Cassa integrazione: sono oltre 200 mila le aziende ‘furbette’

Corporate

FCA sotto indagine per le emissioni

La GdF ha condotto delle perquisizioni negli uffici del Gruppo FCA nell’ambito di un’indagine della Procura di Torino collegata a un'analoga inchiesta delle autorità giudiziarie tedesche. L’ipotesi investigativa è legata alla possibilità che su alcuni modelli siano stati installati dispositivi di controllo del motore non conformi alla regolamentazione europea: in condizioni reali di guida le emissioni inquinanti sarebbero superiori a quelle rilevate in sede di omologazione. [continua ]

Corporate

Oltre 1 azienda su 3 rischia la chiusura

“L’impatto della crisi sulle imprese è stato di intensità e rapidità straordinarie, determinando seri rischi per la sopravvivenza: il 38,8% delle imprese italiane (pari al 28,8% dell’occupazione, circa 3,6 milioni di addetti) ha denunciato l’esistenza di fattori economici e organizzativi che ne mettono a rischio la sopravvivenza nel corso dell’anno”. [continua ]

Corporate
Alitalia, dopo 11 anni torna pubblica

Alitalia, dopo 11 anni torna pubblica

Corporate

Agi

Easyjet: “Calabria terra di mafia e terremoti”

“Per un assaggio autentico della vivace vita italiana niente di meglio della Calabria. Questa regione soffre di un'evidente assenza di turisti a causa della sua storia di attività mafiosa e di terremoti e la mancanza di città iconiche come Roma e Venezia capaci di attrarre i fan di Instagram”. Così si legge sul sito della compagnia aerea easyJet alla voce ‘Lamezia’, sede del principale aeroporto regionale. [continua ]

Corporate
Cara Alitalia, quanto mi costi?

Cara Alitalia, quanto mi costi?

Corporate

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com