Essilux: dopo la tregua, il colosso degli occhiali aumenta i ricavi fino al 5%

Essilux: dopo la tregua, aumento dei ricavi fino al 5%

"L'anno è iniziato bene e siamo sulla strada giusta". Lo afferma Stefano Grassi, co direttore finanziario di EssilorLuxottica, durante l'assemblea del gruppo a Parigi che sancisce la tregua nella governance del colosso degli occhiali. Grassi ha confermato le stime di aumento dei ricavi nel 2019 in un range compreso tra il 3,5% e il 5%

"Questa operazione ha avuto successo grazie al lavoro di team", ha detto Leonardo Del Vecchio, primo azionista con oltre il 32% delle quote e il 31% dei diritti di voto.

Il vicepresidente esecutivo Hubert Sangieres ha aggiunto che "abbiamo avuto delle difficoltà, ma non si deve guardare all'albero della governance che rischia di coprire la foresta".

Fonte

Articoli correlati

ArcelorMittal, il gigante indiano dell’acciaio taglia la produzione

ArcelorMittal, il gigante indiano dell’acciaio taglia la produzione in Europa. Rallenta l'Italia

Ue
Corporate

Alstom-Siemens, la Ue boccia la fusione e fa arrabbiare sia Parigi che Berlino

L'Europa blocca il matrimonio sull'asse franco-tedesco tra Alstom e Siemens, e per il ministro delle Finanze di Parigi, Bruno Le Maire, fa un favore alla Cina. La decisione è dell’Antitrust europea, guidata da Margrethe Vestager. Secondo la Commissione, la fusione "avrebbe influenzato la concorrenza nei mercati dei sistemi di segnalamento ferroviario e dei treni ad alta velocità. Le parti non hanno proposto misure correttive sufficienti per rimediare a questi problemi". [continua ]

Ue
Corporate
Eppure i dazi a qualcuno piacciono. E non è un colosso statunitense...

Eppure i dazi a qualcuno piacciono. E non è un colosso statunitense...

Ue
Corporate
L’Unione europea non funziona: è solo uno slogan?

L’Unione europea non funziona: è solo uno slogan?

Ue
Strategie & Regole

L’Italia è un contributore netto dell'Ue. Ma non è "colpa" di Bruxelles

Secondo gli ultimi dati disponibili, del 2017, il bilancio comunitario ammonta a poco meno di 140 miliardi di euro e non può andare in deficit. Una parte delle risorse arrivano da dazi doganali su beni provenienti da paesi extra-Ue. Il resto è finanziato dal gettito Iva e dai contributi provenienti dai singoli Stati. Questi ultimi rappresentano la parte più consistente: nel 2017 ammontavano a più del 56% del totale delle entrate, ossia 78 mld. [continua ]

Ue
Strategie & Regole
Amartya Sen: “L’austerity è stata un errore"

quoted business

Amartya Sen: “L’austerity è stata un errore, contro le disuguaglianze serve una finanza sostenibile”

Ue
Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com