Jeff Bezos lascia la guida di Amazon

Il nuovo Ceo è Andy Jassy. Bezos diventerà presidente esecutivo. Conti record per il gruppo nell'anno del Covid

Bezos lascia la guida di Amazon

Il fondatore e amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, ha approfittato della presentazione di risultati annuali record, con 21.331 milioni di dollari (17.700 milioni di euro) di profitti, per anticipare che lascerà l’incarico di Ceo in estate.

L’uomo più ricco del mondo secondo Forbes diventerà quindi presidente esecutivo del colosso e cederà lo scettro a Andy Jassy, il suo più fidato e attualmente gestisce il segmento di business più redditizio dell’azienda, la piattaforma di cloud computing Amazon Web Services (AWS).

Da parte sua, Jassy, che è entrato in Amazon nel 1997 - solo tre anni dopo la fondazione della società - ha gestito AWS fin dalla sua nascita, un leader di primo piano nel settore del cloud computing davanti a concorrenti come Azure di Microsoft e Google Cloud.

Laurea ad Harvard e originario dello stato di New York, 53 anni, il futuro capo di Amazon ha finora mantenuto un profilo piuttosto discreto, sempre all’ombra di Bezos.

L'azienda ha fatto coincidere l'annuncio del cambio di amministratore delegato con la presentazione dei risultati di tutto il suo anno fiscale 2020, in cui ha ottenuto utili netti pari a 21.331 milioni di dollari, quasi il doppio degli 11.588 milioni ottenuti nel 2019, grazie al grande impulso degli acquisti online a seguito della pandemia di Covid-19.

Oltre al cloud computing, il core business di Amazon, il commercio online, continua ad avere il suo mercato principale nel Nord America, dove ha fatturato un totale di 236.282 milioni di dollari nel 2020, il 38,4% in più rispetto all'anno precedente.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Elon Musk: “Apple si rifiutò di acquistare la Tesla a un decimo del valore”

Cnn

Elon Musk: “Apple si rifiutò di acquistare la Tesla a un decimo del valore”

Corporate

quoted business

Airbnb ora vale 100 miliardi

Il colosso degli affitti brevi, fondato nel 2007, ha subito gli effetti della pandemia da Covid-19, che ha messo un freno ai viaggi nazionali e internazionali. Le prenotazioni sulla piattaforma sono crollate fino al 75% durante il periodo più duro della crisi pandemica, costringendo lo scorso maggio la società a operare un profondo taglio di costi e riducendo il personale del 25%. [continua ]

Corporate
Musk: “Vendo tutto. Mi tengo solo i capitali per una città su Marte”

Musk: “Vendo tutto. Mi tengo solo i capitali per una città su Marte”

Corporate

BuzzFeed compra l’Huffington Post

Verizon Media, un’unità di Verizon Communications Inc, annuncia la vendita del sito dell’Huffington Post a BuzzFeed. Quando la cessione sarà formalizzata, Verizon Media diventerà azionista di minoranza di BuzzFeed. Le aziende non hanno rivelato ulteriori dettagli sull’affare. [continua ]

Corporate

Bezos mette gli occhi sulla Cnn?

È la Cnn la prossima preda nel mondo dei media di Jeff Bezos? L’indiscrezione arriva dagli Usa e in particolare da Fox Business. Per Bezos, al primo posto tra gli uomini più ricchi del mondo nella classifica stilata da Forbes con un patrimonio stimato di 200 miliardi di dollari, si tratterebbe del secondo grande affare nel mondo dei media. [continua ]

Corporate

quoted business

Emissioni, Fca patteggia negli Usa e paga 9,5 milioni

Fca patteggia e si impegna a pagare 9,5 milioni di dollari per chiudere la disputa sulle presunte informazioni fuorvianti in merito alla revisione interna sui sistemi di controllo delle emissioni. Lo afferma la Sec, la Consob statunitense, secondo la quale nel 2016 Fca in una nota stampa e nel rapporto annuale ha parlato di revisione interna che confermava come i veicoli rispettassero le norme sulle emissioni. [continua ]

Corporate

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com