Smart working, sale la produttività. Ma scende l’innovazione

Indagine Microsoft

Smart working, sale la produttività. Ma scende l’innovazione

Il lavoro da remoto rende più produttivi, ma può provocare una riduzione del tasso di innovazione. È il messaggio che emerge dal nuovo studio di Microsoft ‘Work.Reworked’ condotto su oltre 600 manager e dipendenti di grandi imprese italiane.

La ricerca evidenzia anche un boom dello smart working, adottato quest’anno dal 77% delle imprese italiane contro il 15% del 2019 e la previsione è che il 66% dei dipendenti continuerà a lavorare da remoto almeno un giorno alla settimana anche dopo la pandemia.

In questa ‘nuova normalità’, i leader aziendali hanno registrato benefici sia in termini di produttività sia di efficienza: l’87% degli intervistati ha, infatti, riscontrato una produttività pari o superiore a prima del lockdown e il 71% è convinto che le nuove modalità ‘ibride’ di lavoro comportino significativi risparmi in termini di costi.

Ma ‘la difficoltà nel rimanere connessi con il proprio team - spiega lo studio - influenza la capacità di condividere nuove idee e innovare’. Quest’anno scende al 30% la percentuale dei manager secondo i quali la propria azienda possiede una cultura innovativa, rispetto al 40% del 2019. Allo stesso modo, è stato rilevato una riduzione anche nella percezione dell’innovazione di prodotti e servizi, che è passata dal 56% nel 2019 al 47% nel 2020.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com