Bayer licenzia 1 lavoratore su 7 in Germania

Bayer licenzia 1 lavoratore su 7

Il gigante chimico-farmaceutico Bayer licenzierà 1 lavoratore su 7 in Germania. Il che corrisponde a 4.500 posti di lavoro. In realtà, la società aveva già annunciato a dicembre che avrebbe tagliato 12 mila occupati a livello globale.

Bayer ha sostenuto che i tagli sono necessari per restare competitivi. Il timore, in realtà, è per quanto sta avvenendo al di là dell'Atlantico. Rischiano di pesare come un macigno sui bilanci del Gruppo tedesco le cause legali avviate negli Stati Uniti contro il Roundup, il famigerato erbicida che contiene il glifosato ritenuto cancerogeno e prodotto da Monsanto, a sua volta acquisita da Bayer nel 2018. La compagnia ha già perso la prima causa.

Un altro problema per Bayer – che sta attualmente portando avanti un profondo piano di ristrutturazione - riguarda i brevetti in scadenza il prossimo anno per alcuni tra i prodotti di punta, come Xarelto.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com