I ceo delle prime 350 società Usa prendono 312 volte lo stipendio medio di un lavoratore

L’astronomico divario tra il compenso degli amministratori delegati delle 350 più importanti società statunitensi e gli altri dipendenti è cresciuto notevolmente negli anni: tra il 1978 e il 2017 le retribuzioni degli ad sono salite del 979%, mentre quelle dei lavoratori dell'11,2%

I ceo prendono 312 volte lo stipendio medio di un lavoratore

Gli amministratori delegati delle 350 migliori società Usa hanno ottenuto, nel 2017, un compenso pari a 312 volte quello medio percepito da tutti gli altri dipendenti.

L'impennata del gap è giunta dopo che i ceo delle maggiori aziende hanno registrato un aumento medio del 17,6% nel 2017, mentre i salari dei lavoratori sono cresciuti soltanto dello 0,3%.

Il divario salariale è aumentato drammaticamente, con alcune fluttuazioni, dagli anni '90. Nel 1965 il rapporto era di 20 a 1, salito a 58 a 1 dal 1989 fino al picco di 344 nel 2000. Successivamente, le retribuzioni dei ceo sono diminuite nei primi anni 2000 e durante l'ultima recessione, salvo poi riaumentare rapidamente dal 2009.

L'anno scorso l'amministratore delegato di McDonald's, Steve Easterbrook, ha guadagnato 21,7 milioni di dollari, mentre gli operai hanno ricevuto uno stipendio medio di soli 7.017 dollari: uno spietato rapporto di 3.101 a 1.

In realtà, la media è distorta dai valori anomali delle società tecnologiche, in cui gli amministratori delegati sono anche fondatori. Il ceo di Amazon, Jeff Bezos, l'uomo più ricco del mondo, ha portato a casa 1,7 mln nel 2017, mentre i suoi dipendenti appena 28.446 dollari, con l’esito schiacciante di 59 a 1. Il compenso del cofondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, è stato di 8,8 mln nel 2017, mentre la sua forza lavoro, peraltro ben remunerata, ha guadagnato in media 240.430 dollari (37 a 1).

Ma nessuno dei due ha bisogno di aspettare la fine del mese. La fortuna personale di Bezos ora supera 154 mld, mentre quella di Zuckerberg è vicina ai 66 mld (secondo Forbes).

Cifre così elevate sono, in parte, determinate dalle componenti azionarie inserite nei compensi degli amministratori delegati. Ma i livelli stratosferici non possono essere spiegati soltanto così.

Tra il 1978 e il 2017 il compenso degli ad è aumentato del 979%. Nello stesso periodo l'indice S&P500, che include le maggiori società statunitensi, è cresciuto meno (+637%), mentre le retribuzioni dei lavoratori sono salite di un modesto 11,2%. E adesso si sa perché.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com