Amazon, aumenta il salario minimo a 15 dollari l'ora

Amazon, aumenta il salario minimo a 15 dollari l'ora
Jeff Bezos

Amazon, la società da un trilione di dollari gestita dall'uomo più ricco del mondo, aumenta il salario minimo a 15 dollari l’ora – più del doppio di quello stabilito per legge negli Stati Uniti - per tutti i dipendenti impiegati negli Usa a tempo pieno e part-time, ma anche per i temporanei e gli interinali. La decisione entra in vigore il primo novembre.

Dell’incremento beneficeranno anche i lavoratori britannici. Nel Regno Unito il minimo è stato aumentato del 28% per coloro che sono localizzati a Londra e del 18% per quelli operativi nel resto del paese.

"Abbiamo ascoltato i nostri critici, abbiamo riflettuto molto su ciò che volevamo fare e abbiamo deciso di cambiare", ha dichiarato Jeff Bezos, fondatore e ceo di Amazon. In realtà non si tratta di un gesto di filantropia. La società è stata spesso oggetto di critiche per gli eccessivi carichi a cui sottopone la propria forza lavoro – riuscendo persino a mettere d’accordo Donald Trump e Bernie Sanders - e tenta così di rilanciare la propria immagine.

Ma non è tutto qui. Amazon non si ferma e pensa in grande. "Lavoreremo per ottenere il sostegno del Congresso per un aumento del salario minimo federale. Quello attuale è pari a 7,25 dollari ed è stato fissato quasi un decennio fa", ha dichiarato Jay Carney, vicepresidente senior di Amazon Global Corporate Affairs.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com