Biden vuole aumentare il salario minimo da 7,25 a 15 dollari

In realtà il 90% dei lavoratori con salario minimo degli Stati Uniti guadagna più di 7,25 dollari

Biden vuole aumentare il salario minimo da 7,25 a 15 dollari
Joe Biden

Oggi il salario minimo su base federale, quindi il minimo a cui tutti gli stati devono attenersi, è 7,25 dollari l’ora: una cifra che non viene aggiornata dal 2009 e che mantiene dentro la fascia di povertà numerosi lavoratori statunitensi nonostante in molti abbiano un lavoro full time. Il neo presidente Joe Biden vuole ora alzare il livello a 15 dollari l’ora.

Tuttavia, i singoli stati possono poi decidere se applicare un salario minimo più alto con il risultato che quasi il 90% dei lavoratori con salario minimo degli Stati Uniti guadagna più di 7,25 dollari. Il salario minimo medio a livello nazionale, considerando le revisioni al rialzo da parte dei singoli Stati, è pari a 11,80 dollari (a maggio 2019).

Resta il fatto che, se avesse tenuto il passo con la crescita della produttività del lavoro, il livello del salario sarebbe ben più alto: intorno ai 20 dollari. Nel 2019, inoltre, il Congressional Budget Office ha pubblicato un rapporto che stimava gli effetti dell’introduzione di un salario minimo federale a 15 dollari l’ora: ne avrebbero giovato 17 milioni di lavoratori, ma anche molti posti persi (1,3 milioni). Esternalità positive e negative che l’amministrazione Biden dovrà considerare.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com