Joint venture Eni-Rosneft al capolinea? Descalzi: "Sono solo rumors"

L'amministratore delegato Eni smonta le voci sulla fine della collaborazione con la società russa a causa delle sanzioni statunitensi

Joint venture Eni-Rosneft al capolinea? Descalzi: “Sono solo rumors”
La sede Eni di San Donato Milanese

Eni non lascia la joint venture con la russa Rosneft a causa delle sanzioni statunitensi inflitte alla Federazione guidata da Putin.

Comportamenti speculativi

Si tratta di pura speculazione, secondo l'amministratore delegato Claudio Descalzi, che è intervenuto a margine del Forum economico internazionale di San Pietroburgo. Le voci fatte circolare da alcuni media sarebbero infondate.

Aumento delle perforazioni

Nel maggio 2017 Rosneft ed Eni avevano firmato un accordo per espandere la cooperazione sulla produzione di petrolio, aumentando le perforazioni offshore nel Mar Nero e quello di Barents.

Sfida agli Usa

A dicembre l'amministratore delegato di Rosneft, Igor Sechin, aveva dichiarato che le due aziende avevano avviato la perforazione del pozzo esplorativo nell'area di concessione Zapadno-Chernomorskaya, dopo aver stimato la presenza di 60 milioni di tonnellate di petrolio e 100 miliardi di metri cubi di gas naturale. Numeri che valgono il rischio di opporsi agli Stati Uniti, così almeno sembra pensarla il management di Eni.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Iran e Russia provano a riconfigurare il mercato globale di petrolio e gas

Iran e Russia provano a riconfigurare il mercato globale di petrolio e gas

Energie & Risorse
Dall’Ue 100 mld alla Russia per carbone, petrolio e gas da febbraio

Dall’Ue 100 mld alla Russia per carbone, petrolio e gas da febbraio

Global
Gas, petrolio e carbone: a livello globale l’Italia è il terzo importatore

Gas, petrolio e carbone: a livello globale l’Italia è il terzo importatore dalla Russia

Energie & Risorse

Cingolani: “Non è possibile che il gas costi 5 volte più del 2021”

Il ministro della Transizione ecologica avverte: “Problemi ad ottobre se la Russia taglia le forniture. Per il prossimo inverno occorre stoccare 12 miliardi di mc. Un price cap europeo sarebbe grande notizia”. [continua ]

Energie & Risorse

La Cina è il più grande partner commerciale di Russia e Ucraina, e il più grande importatore di petrolio greggio e gas naturale al mondo

L’ambasciatore cinese negli Stati Uniti: “Il conflitto tra Russia e Ucraina non giova alla Cina. Se avessimo saputo, avremmo cercato di fermare la guerra” [continua ]

Strategie & Regole

Italia, crollano le estrazioni di gas e aumenta la dipendenza dall'estero. Eppure esportiamo oro blu

Diminuisce l’uso dei giacimenti a chilometri zero ma bruciamo più metano e lo importiamo dall’estero con un rilevante impatto ambientale. Il contributo del gasdotto Tap, la ripresa dell’Algeria e il fatto che la Russia abbia continuato a esportare verso l’Italia hanno dato disponibilità aggiuntiva e a prezzi competitivi che ha consentito anche il fenomeno dell’export (seppur in piccole quantità). [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Crediti deteriorati

L'andamento dei crediti deteriorati dal 2005 al 2020 in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna in rapporto al totale dei crediti erogati

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com