Le trivelle e il Ministero della “Finzione Ecologica”

Cingolani dà il via a 11 nuovi pozzi

Le trivelle e il Ministero della “Finzione Ecologica”

“Il Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani ingrana la marcia, però all’indietro, puntando sul passato, e cioè sulle fossili, approvando la Valutazione di impatto ambientale per ben 11 nuovi pozzi per idrocarburi, di cui uno anche esplorativo. Il tutto nel mare Adriatico (tra Veneto e Abruzzo), nel canale di Sicilia e, a terra, in Emilia Romagna in provincia di Modena. Inoltre, sempre in Emilia, questa volta in provincia di Bologna, ha approvato anche l’avvio della produzione di un pozzo già esistente a metano. Insomma, visti i primi atti ci verrebbe la voglia di battezzarlo noi, però come Ministero della Finzione Ecologica.” Lo scrive in un comunicato il Forum H2O, il forum abruzzese dei movimenti per l’acqua.

“Sono ben 7 interventi presentati negli anni scorsi dai petrolieri delle società Eni (3), Po Valley Operations PTY Ldt (2) e SIAM Srl (2) - scrive ancora il Forum H2O -. Progetti che per anni erano rimasti fermi al Ministero, e che Cingolani ha prontamente resuscitato invece di mettere la parola fine in generale ai nuovi progetti fossili. Oltre ai rischi e alle criticità insiti in ogni singolo progetto, per incidenti (recentemente in Croazia una piattaforma si è inabissata per il maltempo), perdite, scarichi, la cosa grave è che ci si allontana sempre di più dagli obiettivi fissati dall’Accordo di Parigi sul clima, che poi a chiacchiere tutti dicono di voler rispettare.”

“Per Cingolani e il Governo Draghi evidentemente l’emergenza non è quella climatica, ma quella di premiare i progetti dei petrolieri - conclude il forum abruzzese -. Auspichiamo che questi interventi siano fermati nel prosieguo dell’iter di approvazione, anche se la strada si fa in salita.”

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com