Giavazzi: “Lo stop all’importazione del gas russo è un’ipotesi da valutare”

Il consigliere economico di Palazzo Chigi: “Non dovremmo pagare in rubli il gas russo: sarebbe un modo di aggirare le sanzioni”

Giavazzi: “Lo stop all’importazione del gas russo è un’ipotesi da valutare”
Francesco Giavazzi

È considerato uno dei più ascoltati consiglieri del presidente Draghi: secondo Francesco Giavazzi, consigliere economico di Palazzo Chigi, chiudere il rubinetto delle importazioni del gas russo “è una ipotesi da valutare”.

Il tema è stato rilanciato da quando è iniziata la guerra, interrompere il flusso di denaro che l’Europa (con Germania e Italia in testa) pagano ogni giorno a Putin, quantificato dal ministro della Transizione ecologica, Stefano Cingolani “in circa 1 miliardo di euro al giorno”.

Giavazzi, sulla richiesta, lanciata dal presidente russo Vladimir Putin, di pagare le importazioni di gas russo in rubli, annuncia: “Il Governo non ha preso alcuna decisione, ma la mia opinione è pagare in euro: farsi pagare in rubli sarebbe un modo per aggirare le sanzioni, e quindi penso che continueremo a pagare in euro”.

“Andiamo verso i due mesi migliori dell’anno, Aprile e Maggio, quando l’Italia ha abbastanza energia idroelettrica e rinnovabile per ridurre a zero l’import di gas dalla Russia - continua Giavazzi - naturalmente, se lo facessimo, smetteremmo di riempire gli stoccaggi necessari per l’inverno: è un problema politico delicato, ma è il miglior momento dell’anno, e dunque penso che è ciò che dovremmo valutare”.

A conferma di quanto annunciato negli scorsi giorni già da Cingolani, ed anche in parte dal premier Draghi, il consigliere economico di Palazzo Chigi spiega le linee di azione che l’Italia porterà in Consiglio europeo: “Il piano che l'Italia porta al Consiglio europeo prevede un tetto ai prezzi del gas”.

Giavazzi inoltre ha sottolineato “la necessità di usare gli Eurobond per finanziare certi tipi di spesa, ad esempio quelle militari: non ha senso fare questo tipo di spese, a livello dei singoli paesi”, ha concluso Giavazzi.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Andando avanti così, l’Italia raggiungerà il target di 70 nuovi gigawatt di energia rinnovabile tra 124 anni

Sull’energia rinnovabile la progressione del nostro paese è lentissima. [continua ]

Energie & Risorse
Quali sono le 7 centrali a carbone italiane che Draghi potrebbe riaprire
quoted business

Quali sono le 7 centrali a carbone italiane che Draghi potrebbe riaprire

Energie & Risorse
Energia elettrica, a dicembre +492% rispetto a gennaio 2020

Energia elettrica, la stangata sull’Italia: a dicembre +492% rispetto a gennaio 2020

Energie & Risorse

Italia, crollano le estrazioni di gas e aumenta la dipendenza dall'estero. Eppure esportiamo oro blu

Diminuisce l’uso dei giacimenti a chilometri zero ma bruciamo più metano e lo importiamo dall’estero con un rilevante impatto ambientale. Il contributo del gasdotto Tap, la ripresa dell’Algeria e il fatto che la Russia abbia continuato a esportare verso l’Italia hanno dato disponibilità aggiuntiva e a prezzi competitivi che ha consentito anche il fenomeno dell’export (seppur in piccole quantità). [continua ]

Energie & Risorse
qb local
È il Piemonte il campione italiano del fotovoltaico

È il Piemonte il campione italiano del fotovoltaico

Energie & Risorse

Energia, la Francia da paese esportatore a importatore. Parigi potrebbe stoppare l’export di energia elettrica all’Italia per 2 anni

Parigi pesa per il 5% del fabbisogno italiano, ma sono a rischio anche le forniture da Svizzera, Austria e Slovenia. [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Crediti deteriorati

L'andamento dei crediti deteriorati dal 2005 al 2020 in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna in rapporto al totale dei crediti erogati

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com