"Platinum Club", Russia e Sud Africa controllano l'82% del prezioso metallo

"Platinum Club", Russia e Sud Africa controllano l'82% del prezioso metallo
Platino

Russia e Sud Africa hanno qualcosa in comune. I due paesi detengono alcune delle più grandi riserve globali di oro, argento, platino, palladio, uranio e altre preziose risorse. Ora, per rafforzare quello che è quasi un duopolio, Vladimir Putin e Cyril Ramaphosa si sono impegnati a rafforzare la cooperazione bilaterale nel settore minerario per il prossimo decennio, sancita da una nuova intesa siglata a novembre.

Utilizzato nei dispositivi di controllo dell'inquinamento montati sulle auto, nell'industria aeronautica, nelle armi, nell'odontoiatria, oltre che nella gioielleria, il platino ha proprietà eccezionali: anticorrosivo e resistente al calore. Due caratteristiche che lo rendono uno dei metalli più importanti al mondo.

Nel 2017, il Sudafrica ha prodotto 140 tonnellate di platino e la Russia 21. Lo stesso anno, il resto del mondo ha estratto complessivamente 34,9 tonnellate. Ciò significa che il combinato della produzione sudafricana e russa ha rappresentato circa l'82% di quella globale.

Il nuovo accordo segue l'impennata dei prezzi del metallo gemello del platino, il palladio, un'altra risorsa strategica il cui mercato è dominato anche in questo caso da Russia e Sud Africa, che rispettivamente estraggono 81 e 78 tonnellate l’anno su una produzione complessiva a livello mondiale pari a 211,4 tonnellate (dati 2017). Il che equivale al controllo del 75% del mercato globale. Non male se si considera che i prezzi del palladio sono saliti dell'80% negli ultimi dieci anni. Da novembre 2008 allo stesso mese del 2018 il valore per oncia è passato da 235 a 1.170 dollari.

E dal momento che il prezzo del platino resta inferiore (843 dollari per oncia) rispetto a quello del palladio, gli analisti prevedono che il primo possa presto sostituire il secondo in numerose applicazioni automobilistiche e industriali. 

Fonte

Articoli correlati

Petrolio, intesa Opec-Russia sui tagli

Petrolio, intesa Opec-Russia sui tagli alla produzione

Energie & Risorse
Iran, Russia e Turchia: passi avanti verso scambi commerciali dollar-free

quoted business

Iran, Russia e Turchia: passi avanti verso scambi commerciali dollar-free

Global
“Le sanzioni Usa contro Mosca sono illegali”

“Le sanzioni Usa contro la Russia sono illegali”

Energie & Risorse

Enel, utili a 4,7 mld. Nel 2021 il 62% dell'energia generata sarà "pulita"

Il gruppo Enel procede a passo spedito. Sembra quasi non operare in un paese in recessione tecnica. La crescita nelle energie rinnovabili, l'espansione in Sud America dove è diventato il player numero uno e lo sviluppo della divisione delle reti: sono i tre pilastri che hanno portato la società controllata dal Tesoro a migliorare il risultato operativo e l'utile netto, salito 4,79 miliardi nel 2018 con una crescita del 26,7% rispetto ai dodici mei precedenti. [continua ]

Energie & Risorse
Più di 2 miliardi di persone non hanno accesso all’acqua

Più di 2 miliardi di persone non hanno accesso all’acqua

Energie & Risorse

Petrolio, gli Usa diventeranno entro 5 anni il primo esportatore globale

Gli Stati Uniti sono diventati il primo produttore mondiale di petrolio nel 2018 e diventeranno il maggiore esportatore di greggio a livello globale nei prossimi cinque anni. Secondo l'Agenzia internazionale per l'energia (Aie), le esportazioni statunitensi di oro nero dovrebbero raggiungere i 10 milioni di barili al giorno entro il 2024, il che significherebbe sorpassare la Russia e, persino, l'Arabia Saudita. [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com