Sul petrolio siamo ‘bipolari’. Vogliamo eliminarlo, ma ne chiediamo sempre di più

La disconnessione tra il desiderio di meno combustibili fossili e la domanda globale in continua crescita potrebbe far salire il prezzo del petrolio a livelli imprevisti. Stiamo andando verso un disastro energetico?

Sul petrolio siamo ‘bipolari’. Vogliamo eliminarlo, ma ne chiediamo di più

Da una parte, le pressioni sulle compagnie petrolifere per ridurre le emissioni inquinanti che porteranno a un picco della produzione globale in tempi relativamente brevi. Dall’altra parte, la domanda di petrolio è in continua espansione tanto che ha già quasi raggiunto i livelli pre-pandemici e, l’anno prossimo, potrebbe stabilire un nuovo record in assoluto.

Secondo l’Opec, la domanda globale di petrolio continuerà a crescere almeno fino alla metà degli anni 2030 e raggiungerà i 108 milioni di barili al giorno, un livello al quale si stabilizzerà fino al 2045.

Il punto è che la transizione energetica e l’obiettivo di ridurre le emissioni non porteranno al raggiungimento del picco della domanda di petrolio nei tempi che i più ‘ottimisti’ avevano previsto. Perciò è probabile - secondo Morgan Stanley - che arriverà prima il picco dell’offerta rispetto a quello della domanda. Il che vuol dire che il mondo diventerà sempre più energivoro ma rischia di ritrovarsi senza petrolio e, soprattutto, senza altre fonti che possano colmare il gap tra domanda e offerta.

In questo caso, il divario tra domanda e offerta potrebbe portare a un aumento della volatilità sul mercato, con picchi dei prezzi del petrolio strutturalmente più alti.

D’altronde, non vogliamo usare il carbone, vogliamo usare sempre meno gas, vogliamo abbandonare il petrolio, non vogliamo il nucleare, ma vogliamo consumare sempre più energia. Stiamo andando verso un disastro energetico?

Eppure la soluzione c’è: investire ben più massicciamente di quanto fatto fino a ora sulle rinnovabili e, al contempo, rivedere i modelli di produzione e consumo.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso
quoted business

Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso sotto i 100 dollari

Energie & Risorse
Gas, petrolio e carbone: a livello globale l’Italia è il terzo importatore

Gas, petrolio e carbone: a livello globale l’Italia è il terzo importatore dalla Russia

Energie & Risorse
quoted business

Draghi: “Accordo con l’Algeria su energia e gas”. La risposta del governo italiano alla dipendenza da Mosca (passando da una dittatura a un’altra)

Draghi, Di Maio, Cingolani e Descalzi in missione ad Algeri centrano l’obiettivo di sostituire un terzo del gas russo: assicurati 9 mld di metri cubi aggiuntivi attraverso il gasdotto TransMed. Il problema però non è diversificare a prescindere. L’accordo con il paese nordafricano aggira l’ostacolo, non lo risolve: gli oligarchi algerini sono forse tanto meglio di quelli russi? [continua ]

Energie & Risorse

Non solo gas e petrolio. Quella stretta dipendenza tra il colosso russo Rosatom e l’industria atomica europea, in particolare francese

Chi ha deciso che gas e nucleare sono sostenibili: l’Ue o la Russia? Tre colossi della Federazione (Gazprom, Lukoil e Rosatom) hanno portato avanti un’estenuante attività lobbying per far includere gas e nucleare nella tassonomia verde. [continua ]

Strategie & Regole

Se l’Europa vuole azzerare l’economia russa, solo con l’embargo del gas può riuscirci

Se l’Europa è disposta a sostituire il gas russo con maggiore import di gas naturale liquefatto, ben più costoso, potrebbe minare gravemente la capacità della Russia di guadagnare valuta forte attraverso le esportazioni di gas con le quali Vladimir Putin finanzia anche la guerra in Ucraina. Ma questa scelta comporterebbe costi elevati e duraturi anche per l’Europa. [continua ]

Energie & Risorse
Volano le rinnovabili, ma oltre l’80% dell’energia ...

Volano le rinnovabili, ma oltre l’80% dell’energia globale proviene da combustibili fossili

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com