L’Opec+ aumenta la produzione. Ma è sufficiente a soddisfare la domanda globale per appena 86 secondi

L’organizzazione dei paesi produttori di petrolio ha raggiunto un’intesa su un aumento di 100.000 barili da settembre. Il viaggio di Biden in Arabia Saudita non ha avuto effetti.

L’Opec+ aumenta la produzione. Ma soddisfa la domanda globale per 86 sec

Appena 100.000 barili al giorno. Quello appena deciso dall’Opec+ è un aumento con il contagocce, una quantità sufficiente a soddisfare per appena 86 secondi la domanda globale. Il cartello dei paesi produttori di petrolio aveva annunciato un incremento delle vendite dopo la visita del mese scorso in Arabia Saudita di Joe Biden e in molti si sarebbero attesi uno sforzo maggiore per dar seguito all’impegno della Casa Bianca di tenere sotto controllo il prezzo dei carburanti.

Invece, il ritocco è quasi insignificante e avrà ripercussioni negative sull’inflazione e sulla crescita mondiale. L'Opec+ (che include 13 Stati oltre alla Federazione russa) in una nota ha sottolineato che non si tratta di una decisione arbitraria, ma che “la capacità produttiva in eccesso è gravemente limitata” a causa del “cronico sotto-investimento nel settore” e che questo impone “grande cautela nella risposta per evitare strozzature dell’offerta”.

Sembrano quindi per il momento falliti gli sforzi portati avanti dal governo statunitense per contenere il prezzo dei combustibili dopo che l’invasione della Ucraina da parte della Russia e le conseguenti sanzioni internazionali hanno fatto schizzare alle stelle il costo dell’energia.

A guadagnarci nel tenere alto il prezzo del greggio, tuttavia, non sono soltanto i paesi produttori. Le principali società petrolifere mondiali stanno macinando numeri da record, segnando profitti considerevoli. Ad esempio, Shell ha registrato un aumento dell’utile nel secondo trimestre del 2022 pari a +529%. Sono state rilevanti anche le performance messe a segno da Exxon (+380%), Chevron (+377%), e BP (+303%). E nessuna di queste società è araba o russa.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso
quoted business

Gas, perché ha guadagnato il 100% in un mese mentre il petrolio è sceso sotto i 100 dollari

Energie & Risorse

Il petrolio potrebbe salire fino a 380 dollari al barile

Il G7 si è detto favorevole alla fissazione di un limite superiore al prezzo del petrolio. Ma l’iniziativa sarà inutile, qualora la Russia decidesse di interrompere la fornitura di petrolio all’Ue. Mosca può permettersi di ridurre la produzione giornaliera di greggio fino a 5 milioni di barili senza danneggiare eccessivamente la sua economia. E in tale caso il prezzo dell’oro nero potrebbe arrivare a sfiorare i 400 dollari, mandando in recessione mezzo mondo. [continua ]

Energie & Risorse
Gli Usa bloccano il petrolio russo ma comprano l’uranio dalla Federazione

Gli Usa bloccano il petrolio di Mosca ma comprano l’uranio dalla Russia: oltre 1 mld di dollari l’anno

Energie & Risorse
Il grande dilemma di Biden
quoted business

Il grande dilemma di Biden: puntare ancora su petrolio e gas oppure non dare peso all’inflazione?

Energie & Risorse
L’Europa è in ‘cul de sac’: il petrolio russo è irrinunciabile. Ecco perché

L’Europa è in ‘cul de sac’: il petrolio russo è (quasi) irrinunciabile. Ecco perché

Energie & Risorse

Perché i sauditi non vogliono aumentare la produzione di petrolio?

L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti sono gli unici due produttori di petrolio con una significativa capacità inutilizzata. Solo loro hanno il potere di destabilizzare il mercato. Una situazione che non piace agli Stati Uniti che hanno bisogno di sostituire le importazioni russe. Washington, dopo aver riavviato a tempo di record le interrotte relazioni diplomatiche con il Venezuela, ha bussato invano alla porta di Riad. Che però ha altri piani. [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com