Al via in Francia il più grande progetto di fusione nucleare al mondo. E sarà ‘green’

Iniziato l’assemblaggio della centrale nel sud della Francia. Il progetto mira a dimostrare che l’energia nucleare ‘pulita’ (con la produzione di minime scorie radioattive) può essere generata su scala globale

Al via il più grande progetto al mondo di fusione nucleare ‘green’

È partito nel sud della Francia, a Cadarache vicino ad Aix-en-Provence, il più grande progetto (denominato Iter) di fusione nucleare del mondo. La fase di assemblaggio durerà cinque anni. Il reattore, che peserà 23.000 tonnellate, rappresenta lo sforzo ingegneristico più complesso della storia. Quasi 3.000 tonnellate di magneti superconduttori saranno collegati da 200 km di cavi superconduttori (tenuti a -269 °C).

Il progetto da 20 miliardi di euro mira a riprodurre i processi che avvengono nel sole, inducendo la fusione nucleare tra atomi di idrogeno, e ha lo scopo di dimostrare che è possibile produrre dalla fusione energia pulita e illimitata su scala globale. Un sogno per un pianeta abitato da quasi 10 miliardi di persone.

Il risultato è una nuova fonte di energia pulita, senza emissioni di carbonio. L’impianto infatti non produrrebbe rifiuti ad alta attività, al contrario della classica energia nucleare, e sarebbe meno rischioso dal punto di vista degli incidenti nucleari.

Oltre alla Francia, nel progetto sono coinvolti numerosi attori tra i quali: Ue (che copre il 45% dei finanziamenti del programma), Regno Unito, Cina, India, Giappone, Corea, Russia, Stati Uniti e Italia.

“Credo che questa innovazione giocherà un ruolo chiave nell’affrontare le questioni globali – spiega il premier giapponese Shinzo Abe - tra cui i cambiamenti climatici e la realizzazione di una società sostenibile senza emissioni di carbonio”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Macron: “I tempi sono maturi per una rinascita dell’industria nucleare”. Con l’aiuto del Sole e del vento

Il presidente francese per uscire dalla crisi energetica annuncia 6 nuovi reattori. Altri otto reattori sono allo studio. Ci sarà spazio anche per l’eolico e l’energia solare. L'obiettivo è fare della Francia il primo grande Paese al mondo in trent’anni a uscire dalla dipendenza dai combustibili fossili. [continua ]

Energie & Risorse
Eni, verso la fusione magnetica: energia pulita come dal Sole

Eni, verso la fusione magnetica: energia pulita come dal Sole

Energie & Risorse
L’emergenza caldo dimezza la produzione di energia nucleare
quoted business

L’emergenza caldo dimezza la produzione di energia nucleare in Francia

Energie & Risorse

Altro che eolico e solare. Il Nordafrica è la nuova frontiera dell’idrogeno verde. Rivoluzione o un’altra forma di colonialismo?

Ma non è tutto oro (anzi idrogeno) ciò che luccica, soprattutto per le popolazioni locali. Il rischio è quello di riprodurre il colonialismo anche nei processi di transizione alle energie rinnovabili, assumendo la forma di green grabbing (accaparramento ecologico) [continua ]

Energie & Risorse
Fusione nucleare, possiamo credere alle parole di Descalzi al Copasir?

Fusione nucleare, possiamo credere alle dichiarazioni di Descalzi al Copasir?

Energie & Risorse

Il principale esportatore di petrolio del mondo punta a trasformarsi nel primo produttore di idrogeno verde

L’Arabia Saudita ha bisogno di trovare altre fonti di reddito in un mondo che in futuro farà sempre meno affidamento sui combustibili fossili. Ma l’idrogeno verde può essere prodotto dovunque e se il mercato dovesse decollare come previsto (600 miliardi di dollari entro il 2050), la concorrenza sarà feroce. E i dubbi sui costi restano. [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Crediti deteriorati

L'andamento dei crediti deteriorati dal 2005 al 2020 in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna in rapporto al totale dei crediti erogati

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com