Biden recupera. E Wall Street festeggia. Perché?

Le notizie sull’andamento dello spoglio rianimano i mercati. Il vecchio settore manifatturiero, invece, spera(va) nella protezione di Trump

Biden recupera. E Wall Street festeggia. Perché?

La svolta è arrivata nella mattinata di mercoledì, poco dopo l’apertura del mercato al ribasso. Quando si è capito che Joe Biden poteva ancora avere delle buone probabilità di farcela.

Lo S&P 500 è salito dell’1,7% e il Dow Jones dell’1,5%, in chiusura gli aumenti sono lievitati al 2,2% per S&P 500 e il Dow si è assestato all’1,3%. Il Nasdaq ha segnato +3,9%. A fronte di questi movimenti, i rendimenti sul bond decennale sono scesi dallo 0,881% allo 0,768%.

La sintesi è che il mondo degli affari preferisce Biden. Ma il Senato sarà difficilmente democratico. E sappiamo quanto forte sia il potere di veto del Senato.

Ci sono due Americhe. Quella di Biden e quella di Trump: il primo rappresenta Wall Street e coloro che guardano al futuro, il secondo gli statunitensi ancorati al passato. Non è un caso che molti operai del settore manifatturiero abbiano votato Trump.

The Donald potrà difendere i loro posti di lavoro a basso valore aggiunto dal pressing cinese e agevolare la produzione di carbone. Sono gruppi demografici significativi fatti in gran parte di uomini bianchi che si sentono discriminati da politiche di sinistra e dagli interessi dei grandi potentati industriali. Ma il settore manifatturiero oggi rappresenta solo il 7% dell’economia statunitense.

Dietro quel 50% del paese che oggi rappresenta Trump c’è infatti una coalizione eterogenea che punta allo status quo, al mantenimento di culture e tradizioni che inevitabilmente fanno da freno all’economia.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com