Il sottosuolo dell’Afghanistan ‘nasconde’ una ricchezza mineraria che vale più di un trilione di dollari

Il Paese asiatico potrebbe diventare uno dei più grandi centri minerari al mondo. E c’è chi parla di ‘Arabia Saudita del litio’

Nel sottosuolo una ricchezza mineraria che vale più di un trilione

Nonostante il protrarsi delle violenze intestine, che hanno minato lo sviluppo del Paese e aumentato i livelli di povertà, nel sottosuolo dell’Afghanistan vi sono tra i più ricchi giacimenti minerari al mondo, il cui valore supera il trilione di dollari.

A rivelare la ricchezza sotterranea in Afghanistan è stato The New York Times, citando quanto reso noto dalle autorità degli Usa a seguito di approfondite ricerche condotte sul campo da un team di funzionari e geologi statunitensi.

Le indagini hanno svelato che il potenziale minerario del Paese va ben oltre quello di qualsiasi altra riserva nota al mondo. A detta di alti funzionari statunitensi, tali risorse, se estratte, potrebbero spingere l’economia dello Stato asiatico. Tra le maggiori scoperte, centrali sono quelle che hanno rivelato la presenza di ingenti quantità di ferro, rame, cobalto, oro e metalli preziosi.

Considerando la portata delle riserve, dotate di minerali chiave per l’industria moderna, l’Afghanistan potrebbe diventare uno dei più grandi centri minerari al mondo. E c’è chi parla di ‘Arabia Saudita del litio’. Quest’ultima è una materia prima fondamentale per la produzione di gran parte delle moderne apparecchiature tecnologiche, anche in campo militare.

Il guadagno che il Paese potrebbe trarre dall’estrazione di tali risorse sarebbe in grado di dare una svolta significativa all’economia afghana, in gran parte basata sulla produzione di oppio e sul traffico di stupefacenti, nonché sui sussidi economici forniti dagli Stati Uniti e da altri Paesi. I giacimenti minerari sono presenti in tutto il Paese, tra cui anche le regioni Meridionali e Orientali, lungo il confine con il Pakistan.

Il sottosuolo del Paese può contenere fino a 60 milioni di tonnellate di rame e 2,2 miliardi di tonnellate di ferro. A questi si aggiungono 1,4 milioni di tonnellate di un’altra tipologia di minerali, definiti Rare earth elements (Ree). Il potenziale dei giacimenti di litio sarebbe inoltre analogo a quello delle riserve presenti in Bolivia, Paese che dispone delle più grandi vene di litio al mondo.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Il litio di cui ha bisogno l’Ue arriverà dalla Serbia
quoted business

Il litio di cui ha bisogno l’Ue arriverà (forse) dalla Serbia

Energie & Risorse
L’acqua in bottiglia consuma risorse 3.500 volte in più rispetto ...

L’acqua in bottiglia consuma risorse 3.500 volte in più rispetto a quella di rubinetto

Energie & Risorse
Il capo di Al Qaeda ucciso in un’operazione Usa con i droni

Il capo di Al Qaeda ucciso in un’operazione statunitense con i droni in Afghanistan

Life
La più grande miniera di litio al mondo è nel paese centroamericano
quoted business

La più grande miniera di litio al mondo è in Messico

Energie & Risorse

Così le economie avanzate sottraggono risorse al Sud del mondo

Le disuguaglianze tra Nord e Sud del mondo sarebbero figlie dello scambio ineguale. Una teoria che un nuovo studio prova a tradurre in cifre. Nel 2015 il Nord del mondo si è appropriato di 12 miliardi di tonnellate di materie prime, 822 milioni di ettari di terreno, 21 exajoule di energia, 188 milioni di anni di lavoro. Tutte risorse che sono incorporate nei beni e che, tradotte in denaro, avrebbero un prezzo di 10.800 miliardi di dollari. Abbastanza per porre fine alla povertà estrema. [continua ]

Economia

Il Congo è lo stato africano più ricco di risorse naturali. Ma la popolazione è poverissima

Rame, cobalto, coltan, diamanti, oro, zinco, uranio, stagno, argento, carbone, manganese, tungsteno, cadmio, petrolio e legno: risorse che si trovano in abbondanza nel paese africano e che fanno gola a mezzo mondo. Ma il Pil pro-capite è pari a circa 450 dollari, tra i più bassi a livello globale, e l’indice di sviluppo umano è 0,433 che colloca la Repubblica Democratica del Congo al 176° posto nella classifica mondiale. [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com